CINEMA

Non solo cinema: WWF e Moviemax uniti per l’ambiente

21/01/2011
di Annalisa Mancini

Anche gli animali hanno il proprio vertice di Copenhagen. In un’epopea fantastica, una delegazione di animali provenienti dai 4 angoli del pianeta si mette in marcia per raggiungere la Conferenza Mondiale per l'ambiente di New York e chiedere, a nome della Terra, la difesa delle specie in via di estinzione. Gli eroi dovranno vedersela con una serie di ostacoli non diversi da quelli che minacciano ogni giorno gli abitanti della Terra: la speculazione edilizia, lo scioglimento dei ghiacci perenni, la deforestazione, l'avanzamento dei deserti.

E’ il soggetto ecologista di Animals United, l'ultimo cartone animato distribuito in Italia da Moviemax, in programmazione nelle sale cinematografiche dal 21 gennaio. La sceneggiatura è liberamente tratta dal libro per under 12 'La conferenza degli animali (Die Conferenz der Tiere)’, dello scrittore tedesco Erich Kästner e tedesca è anche la produzione.

I registi Reinhard Kloos e Holger Tappe, specializzati in cartoni ’animali’, sono già noti al grande pubblico per ‘Impy e il mistero dell’isola magica’, commovente storia di un piccolo dinosauro.

Oltre a veicolare il messaggio in modo diretto ed emozionale, grazie alla sinergia con il WWF Italia la pellicola recluta sceneggiatori in erba e raccoglie fondi per la conservazione delle specie con il concorso associato 'Uniti per gli animali', riservato ai giovani fino ai 18 anni e ai loro insegnanti. Il gruppo Mondo Home Entertainment, che controlla Moviemax, infatti devolverà al WWF 1 euro per ogni DVD realizzato a partire dall'elaborato premiato.

Il WWF Italia non è nuovo a questo genere di iniziative, ha ricordato Fulco Pratesi, Presidente onorario del WWF Italia, in occasione della prima italiana del film: “i bambini e i giovani sono da sempre i migliori alleati del WWF, ci hanno affiancato nelle battaglie più difficili, a partire dalla conquista dell'Oasi di Monte Arcosu, in Sardegna, per salvare dall'estinzione il Cervo sardo che venne fatta proprio con la vendita di francobolli da parte di centinaia di ragazzi”.All’epoca l’impegno di centinaia di bambini iscritti ai Panda Club aveva permesso di raccogliere 250 milioni di lire da destinare all’acquisto dell’ulti-mo rifugio dei cervi sardi.

Unendo i propri nomi, WWF Italia e 'Animals United' moltiplicano la propria visibilità. Con il sostegno dell’associazione il film riceve il bollino di pellicola socialmente impegnata, e grazie a contenuto e pubblicità del film il messaggio WWF raggiunge i più giovani: sinergie di questo tipo sono diffuse nel mondo dei documentari, meno in quello del grande schermo.

Il risultato è una pellicola avvincente e con un chiaro intento educativo, che avvicina i più piccoli al tema dei cambiamenti climatici, della biodiversità e della conservazione delle specie.

Come ha dichiarato Fulco Pratesi:

“Si tratta di un'iniziativa unica nel suo genere che permette ai ragazzi di scatenare la propria fantasia e avere la soddisfazione di contribuire alla difesa delle specie più a rischio attraverso la propria opera” […]

“il sostegno ai nostri progetti di difesa delle specie, portato avanti da questo progetto, ci consentirà anche di aiutare le numerose popolazioni locali che nel mondo convivono con molte specie a rischio condividendo spesso gli stessi problemi di sfruttamento delle risorse e degli habitat. La difesa delle specie è anche un investimento per le nuove generazioni”.

Il Regolamento del concorso, che scade il 28 febbraio 2011, può essere su:

www.animalsunited3d.it.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003