POLITICA

Ultime elezioni

29/10/2019
di Francesco Chiappetta

Durante la settimana scorsa ci sono stati fervori giornalistici dovuti alle elezioni in Umbria diventata adesso una regione più famosa.
È stato dato un peso politico molto elevato, in quanto è stata sempre ritenuta la regione cd.” rossa” e pertanto a distanza di 50 anni si riteneva di andare avanti nella stessa maniera.
I candidati scesi in campo per queste elezioni regionali 2019 sono: l’avvocato e senatrice della Lega Donatella Tesei per il centrodestra; e Vincenzo Bianconi, imprenditore e presidente della Federalberghi Umbria, rappresentando i suoi colleghi nell’ambito della regione nell’apposita associazione per il centrosinistra. I risultati sono stati molto sorprendenti in quanto la prima notizia positiva è stato il numero delle presenze dei votanti, che ha sorpreso.
 
Ma, secondo noi, è il marketing politico che bisogna rivedere. Ignorare l’innovazione tecnologica o i Social significa non aver compreso il mutamento del nostro Paese. Perché bisogna rifarlo? Il cittadino non va ad informarsi nel dettaglio circa il provvedimento che si ritiene portare avanti per i terremotati, fatto prima delle elezioni, pertanto al voto il più delle volte si va senza sapere né contenuti, né finalità. Oggi la popolazione prevalente è sempre connessa in rete e ha dunque certamente modo di vedere come vanno le cose non solo in Italia ma anche nel resto del mondo.
 
Riferendoci agli eventi di “casa nostra”, il governo una volta parla del Russiagate come avvenimento importante e da scoprire, ed il giorno seguente è cosa che non si pronuncia più. Si sta verificando una chiara e netta separazione di tipo politico che ricalca i laburisti ed i conservatori pur non avendo una legge che regola per bene le elezioni politiche nel nostro Paese. Alla fine, emergono due schieramenti che in Italia li collochiamo come centrodestra e centrosinistra.
 
Ma in questo momento c’è una forma di repulsione per i governanti attuali non solo in Italia ma anche in Germania dove, nelle ultime votazioni, sono apparsi dei risultati sorprendenti che hanno mosso diverse critiche indirizzate alla Merkel. Il cambio del marketing politico deve avvenire anche dai Mass Media con gente nuova. È diventato ormai pedante assistere ai talkshow i cui protagonisti sono sempre gli stessi, schierati e collocati politicamente pertanto, va da sé, che questo tipo di posizione è accettata solo ed esclusivamente da coloro che sono schierati dalla stessa parte politica, senza mai conquistarne uno nuovo. Anzi, se dovessimo dare una vera valutazione, sarebbe possibile affermare che costoro ne fanno perdere più di uno in quanto nella vita non sono dei politici ufficiali ma schierati durante il percorso.
 
Papa Francesco. Anche lui vuole rinnovare e sta pensando di introdurre “il peccato” ecologico. Il Papa che chiede ai suoi collaboratori di fare una analisi dell’esistente peccato secondo i criteri della chiesa cattolica. Chiunque di noi avrà pensato che “il peccato è peccato” e in quanto tale merita una penitenza. Non è possibile correre dietro alle novità attuali in quanto si è perdenti e nello stesso tempo non è possibile che una chiesa cattolica come la nostra faccia le sue enunciazioni oggi per ieri in quanto eravamo abituati oggi per il domani.
 
Un’ultima annotazione, già messa in luce, riguarda Radio24 che per la prima volta ha visto uno dei conduttori, che parla abitualmente di Radio Kabul e dell’Armata Rossa, aprire la sua trasmissione dicendo “parliamo di cose diverse”. Anche questo comportamento rientra nel marketing politico e fa riflettere in quanto non c’è nulla di nuovo bensì un comportamento per non assumersi le proprie responsabilità.
 
Altra novità, coloro che hanno perso alle elezioni hanno detto che fare l’opposizione dopo 50 anni è il vero esperimento e dunque non è stata vista come un male questa sconfitta. Ma la parafrasi è che quando si perde abbiamo scoperto che poi si vince. È una teoria tutta da dimostrare. Sarebbe più semplice e anche adeguato fare delle analisi su alcuni comportamenti o prese di posizione differenti da quelle che gli elettori si aspettavano e pertanto, probabilmente, c’è stata una interpretazione differente-non giusta- su alcune azioni.
 
Non è possibile avere un movimento politico, denominato 5stelle, che denuncia le malefatte della Presidente della regione Umbria, costretta a dimettersi, e subito dopo invitare costoro a cena e fare un matrimonio chiamatosi “matrimonio sperimentale”. È una manifestazione del fatto che non si tenga molto in considerazione ciò che pensano gli elettori.
 

← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003