POLITICA

Ci mancava Ronaldo!

09/10/2018
di Francesco Chiappetta

È un periodo che piuttosto che soffermarci in cose “serie”, andiamo a scavare e scoprire il comportamento di alcuni personaggi nella loro adolescenza, come è capitato con Brett Kavanugh designato da Trump per la Corte Suprema Americana. In America non esiste probabilmente la goliardia universitaria, o meglio, in questo caso la goliardia tra ginnasio e liceo. La persona certamente non ha avuto particolare successo nella vita e dopo 30/40 anni mostra di avere una buona memoria nel citare gli avvenimenti trascorsi. È uno dei casi che bisognerebbe comprendere e al contempo indirizzarla verso specialisti del settore affinchè questa possa avere una vita tranquilla. Comunque Brett Kavanaugh è stato eletto non più con un solo voto di scarto, ma è riuscito ad averne 2.

Ecco che si aggiunge anche un calciatore che in una serata di divertimento si è trovato nelle “beghe”, probabilmente ha pensato di essere già un campione a livello internazionale e quindi contornato da fan, ma invece ha anche i suoi detrattori, in questo caso come in altri si sono ricordati di lui solo a distanza nel tempo. Finora non abbiamo avuto eco dai media di giovani studenti normali, di calciatori di quarta serie e non si capisce perchè.

La stampa nel suo complesso in questo periodo non ci aiuta molto, sia dal punto di vista delle notizie che riguardano le previsioni di tipo elettorale/politico e sia per il riferimento che da al candidato alla presidenza della Repubblica del Brasile. Niente meno qualche giorno prima delle elezioni alcuni giornali del nostro paese davano notizia che i candidati erano alla pari.  Cosa si è verificato? Bolsonaro, un nome che ricorda l’italiano, ha stravinto il primo turno con circa il 48% di suffragi, adesso si aspetta il ballottaggio, è chiaro che in democrazia tutto può capitare ma facendo la sommatoria dei voti di tutti i candidati per la Presidenza raggiungono complessivamente il 47%. Come si evince, è facile fare delle previsioni rispetto a quelle riportate da alcuni giornali del nostro Paese.

In questo periodo, chi più chi meno, cita la Costituzione del nostro Paese. La maniera che viene citata, normalmente è di estrapolare una piccola frasetta per dire che lo dice la Costituzione. Questi  non sanno che vi sono dei collegamenti tra i vari articoli della Costituzione e per dimostrare che hanno fatto la terza media e che hanno un po’ di educazioni civica, per far capire che sanno quello che dicono, la citano.

L’Europa ha i suoi problemi: commissari o non commissari hanno elezioni politiche nei rispettivi pareri. Quindi ognuno la spara, il più grosso in maniera sproporzionata per fare chiasso, rumore, per farsi sentire.

Come siamo critici con i politici italiani, non meno con gente come Moscovici e Junker, entrambi ritenuti perdenti nei rispettivi paesi. E quindi debbono cercare di far vedere che il loro mandato in Europa è stato proficuo. Normalmente noi italiani quando siamo in difficoltà, portiamo sempre a mo di esempio l’Europa. Continuando di questo passo, si rischia di non avere più riferimenti in ambito europeo come quando si ha la crisi così grande di uomini di spessore, non così modesto che nessuno tiene nella dovuta considerazione.

Una delle ultime notizie riguarda un piccolo centro di un comune meridionale che fino a ieri nessuno conosceva, il comune di Riace, che ha visto il primo cittadino messo agli arresti domiciliari in quanto sembra abbia favorito  l’immigrazione e nello stesso tempo abbia cercato anche di fare cose ormai superate da oltre 50 anni, di organizzare matrimoni. Se così fosse, sarebbe opportuno fare un film partendo dai primi del  ‘900 in poi, dove molte persone si sposavano per procura. Il dramma non è tanto quanto descritto, ma quando si fanno manifestazioni per coprire “atti illeciti”, la grande sorpresa viene anche dalla stampa e dai mass media in generale che taluni hanno scoperto o riscoperto un’estensiva  riscoperta delle cose senza capire il contenuto.

In conclusione il Def (Documento di economia e finanza): l’Europa ha dato una schiaffo a tutti i cittadini europei che si lamentano che è un organismo burocratico lento e in alcuni casi poco rappresentativo. La burocrazia non c’è, il Def è stato mandato ed il giorno dopo già e arrivata una pagina e mezzo di risposta: “non siamo d’accordo”. Questi detrattori per altri tipi di problemi, seri o meno seri, lo dimostrino a se stessi per primi e poi al resto dell’Europa. Per la Lega e i “grillini” non è sufficiente fare campagna:  i cittadini "normali" vedono un accanimento contro l’Europa. La Lega ed i "grillini" sbagliando urlano senza ottenere molto, ma facendo un gran chiasso che si sente da Trento fino a Palermo: questo è un risultato? Speriamo di no.

Ci siamo dimenticati di chiudere con Trump che è così brutto e cattivo che il suo Paese è sceso ai minici storici per la disoccupazione, infatti si è attestata al 3,7% nel mese di settembre, che corrisponde all’incirca a 6 milioni di disoccupati. Molto meno dei conteggi italiani che non si capisce mai quanti sono: 5-6-8 milioni? Non è meglio affidarsi ad analisti capaci che con la loro esperienza e in maniera tecnica, indipendente e scientifica sappiano consultare dei dati senza interpretarli e senza fare confusione?


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003