POLITICA

Un evento mondiale: incontro Trump – Kim Jong-un

12/06/2018
di Francesco Chiappetta

Dopo circa mezzo secolo si è avuto un incontro molto importante tra il Presidente della Korea del Nord, Kim Jong-un, e il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. L’incontro si è svolto sull’isola di Sentosa (Singapore). Non ha importanza il luogo o i contorni o il clima, l’evento è veramente storico ed anche, per certi versi , pieno di aspettative da parte di tutto il mondo.

Trump ha aperto il suo intervento dicendo che è un onore parlare oggi di fronte a tutto il mondo ed ha precisato che lui è un emissario del popolo americano. L’incontro si è concentrato sulla declunearizzazione. In questi casi la diplomazia americana e la diplomazia della Korea del Nord hanno lavorato così tanto, evitando sfasature, contrasti, equivoci. Non a caso, non si è parlato di scadenze precise, e di eventuali smantellamenti esistenti, tutto il mondo deve cercare di parlare di un concetto basilare, che è molto sfruttato e in alcuni momenti privo di significato che è “la Pace nel mondo”, bisogna lavorare molto a tutti i livelli, compreso il mondo cattolico, affiinché nascano delle voci solo ed esclusivamente convergenti. La Pace non ha sesso, non ha colore, non ha odore, è solo un auspicio che ogni semplice cittadino si augura contro ogni conflitto.

Nel mentre nel nostro Paese si sta cercando di completare il Governo con la nomina dei sottosegretari. Tornando indietro, al G7, Trump ha deciso di interrompere prematuramente la sua presenza per andare immediatamente a Sentosa, perchè il Presidente Kim Jong-un, era già in attesa situato in un albergo distante meno di un kilometro da quello di Trump. Donald Trump e Kim Jong-un: “basta il nucleare”. Il Presidente Kim è nato nel 1984, mentre Trump nel 1946. Mentre Trump ha studiato presso l’Università della Pennsylvania, Kim si è formato in Svizzera ed è amante della pallacanestro, mentre Trump preferisce il golf. Due soggetti di età diversa, di cultura diversa, tutto diverso, ma speriamo che entrambi abbiano saputo mettere un seme per la Pace del domani.

In Italia invece, giochiamo con i risultati elettorali, come nel passato tutti hanno vinto e nessuno ha perso. Se uno ha conservato una città, si ruota tutta la vittoria su quella città, siamo ancora molto distanti dal presentarci come movimenti politici con indicazioni precise e con obiettivi precisi. Movimento 5 Stelle e Lega hanno un reframe che ormai sappiamo già a memoria “noi seguiamo il contenuto del contratto”. Un altro argomento importante riguarda gli sbarchi. È veramente una tragedia. Molti parlano sbarchi si, sbarchi no, ma pochi parlano di morti, di giovani morti che è una vera tragedia.

La SI-IES ha scritto una breve nota al Presidente del Consiglio ed ai due Vicepresidenti, cercando di dare delle modeste indicazioni a questo proposito per come interagire con la Libia cercando di dare un aiuto, una formazione, una qualificazione. Con l’auspicio di sviluppare lavoro ed occupazione. È intervenuto sull’argomento il cardinale Ravasi, citando “ero straniero, e non mi avete accolto”, il significato è chiaro, ma ha avuto molte critiche in quanto tutti i cittadini del mondo, dovrebbero essere solo accoglienti, ma è possibile?

In Italia molti sostengono che siamo vicini ai dieci milioni di persone che sono, se non fagogitate, toccate dalla povertà. Questo fa molto riflettere pensando ancora alla Caritas, alle lunghe file che siamo abituati a vedere giornalmente senza dare nessun peso, ma abituati ad osservare, senza pensare che sono dei nostri fratelli che hanno tanto bisogno. Queste considerazioni portano a forme di distacco con il mondo dell'immigrazone, che ritengo certamente non violento, non doloso, e senza riserve. Bisognerebbe essere un po’ più sereni e tentare, ognuno per la parte di propria responsabilità, di dare un contributo convergente per migliorare la vita di questo grosso numero di immigrati che chiede aiuto e quindi dovremmo essere pronti ad allungare una mano.

Di recente vi sono state delle polemiche per il Club di Buildenberg, dove hanno partecipato molte personalità italiane, non si capisce bene a quale titolo e a quale finalità. Cosa fa questo club? È un gruppo trasparente?

In ultimi una notizia buona: la TIM non mette in cassa integrazione 29000 lavoratori ma è stato adottato l’istituto della solidarietà. Il discorsi RAI è un discorso particolare per quanto riguarda il Consiglio di Amministrazione che è in via di rinnovamento. L’impronta che ha dato il Presidente Renzi, di tipo egemonico, mette nelle condizioni i grillini e la Lega di fare la stessa operazione bruciando il famigerato cambiamento che da più parti deve arrivare, concretamente è ancora tutto da verificare.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003