COMUNICAZIONE

Diffidare dell’informazione sui Social?

23/07/2018
di Redazione

Oggigiorno, la gran parte degli italiani soffre di dipendenza dal web, con un conseguente aumento di stati d’ansia, insonnia, confusione e frustrazione.

Ma come vengono percepite le informazioni fruibili sul web?

Dal rapporto Infosfera, realizzato dall’Università Suor Orsola Benincasa, è emerso che oltre l’87% degli italiani considera i social network poco affidabili per la ricerca di notizie credibili, mentre l’82% non è in grado di riconoscere una fake news sul web.

Il 78% non è in grado di distinguere una pagina Facebook o un sito web che diffonde bufale, ma  l’87,76% considera le informazioni professionali ed attendibili, quest’ultima solo una delle tante contraddizioni emerse.

I mezzi di comunicazione dovrebbero informare non disinformare. L’informazione ci fornisce i parametri attraverso cui costruiamo la nostra visione della realtà che ci circonda. Quando esprimiamo un’idea siamo realmente convinti di essere noi la fonte di quel giudizio?

Sicuramente dalle ultime analisi condotte emerge quanto il web sia in grado di alterare le capacità cognitive dell’uomo, inducendolo ad assumere una visione della realtà sempre più prossima a quella desiderata dai propri manipolatori.

Da ciò emerge una sempre maggiore necessità di attivare corsi di formazione per preparare i giovani al continuo bombardamento mediatico del tutto incontrollato, con la speranza di fornire loro gli strumenti necessari all’acquisizione di una coscienza critica della realtà.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003