FINANZA

Supply Chain Finance

15/04/2019
di Francesco Chiappetta

Andiamo verso la trasformazione digitale. Come più volte rappresentato, questa trasformazione investe tutti i settori produttivi. E’ interessato, tra l’altro, il B2B o business-to-business. 
Secondo SI-IES è bene definire subito, quando si affronta il tema B2B, cosa fare, quali vie seguire, quali soluzioni tecnologiche scegliere, con quali fornitori, per mezzo di quali cambiamenti organizzativi e con quali benefici.

E’ possibile trasformare il digitale a partire dai processi interni ed anche dalle relazioni verso l’esterno con clienti/fornitori, verso processi efficienti, digitali ed anche a norma. In ambito di supply chain, per essere sfidanti è necessario considerare anche alcuni aspetti dell’impresa, che riguardano le dimensioni e, in particolare, l’aspetto finanza, che comprende la gestione della cassa, quella dell’operatività e di business, etc.

Per la Supply Chain Finance, che è un’attività di tipo operativo, è necessario cercare di cogliere tutte le opportunità che ricadono nel credito di filiera, partendo dalla fatturazione elettronica ed i relativi obiettivi, per migliorare anche le proprie performance, preservando gli indicatori finanziari e tutelando anche i partner strategici. Con SFC o Supply Chain Finance, si intende, infatti, un insieme di processi di business e di finanziamento basati sulla tecnologia, che collegano le parti in una transazione per la riduzione dei costi e l’aumento dell’efficienza. Inoltre, come più volte sottolineato, la digitalizzazione nei processi di business comporta il passaggio graduale dalla gestione cartacea dei documenti a quella di file e flussi digitali.

Per fare tutto ciò, il riferimento va anche verso il network europeo dei Digital Innovation Hubs, che riunisce competenze ed esperienze di professionisti dell’innovazione, individui e organizzazioni, sia a livello nazionale che internazionale. Con l’obiettivo, tra l’altro, di declinare in chiave digitale esigenze di compliance, normativa dei processi, cercando di integrare il corretto mix tra l’area delle competenze, delle tecnologie, delle normative e del business. Inoltre, è utile e necessario il monitoraggio e la valutazione costante dei propri fornitori, al fine di conoscere il rischio di fornitura.

Il DIHV può essere considerato il punto di eccellenza per un aggiornamento professionale sulle opportunità di sviluppo per le imprese pubbliche e private. A tal proposito, si consiglia di visitare in sito web del Digital Innovation Hub Virtuale www.dihv.it .
 

← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003