SMART CITY

Lime arriva a Parigi, la smart mobility pullula nella capitale francese

23/06/2018
di Redazione

Il progetto Lime che mette a disposizione della smart mobility bici e monopattini elettrici è da poco esploso a San Francisco e si sta diffondendo anche in altri Paesi; fra le nuove città in Europa, ora troviamo anche Parigi.  Questa nuova forma di mobilità alternativa, in particolare con i monopattini elettrici non è alla prima esperienza con l’Europa, Lime è già approdata a Berlino, Brema, Francoforte e Zurigo.

Dal 21 giugno scorso, infatti, potete trovare oltre 200 veicoli Lime nel sud est di Parigi, pronti per l’utilizzo. Lime fa sapere che sta pianificando un’espansione del parco veicoli nella capitale francese. I monopattini elettrici vengono raccolti ogni giorno alle 9 di sera per essere ricaricati e poi vengono rimessi nelle strade alle 5 di ogni mattina.

Tra ottobre e gennaio già altri 4 servizi di bike sharing erano stati attivati a Parigi: GoBee Bike, Obike, Ofo e Mobike. Il primo di questi ha lasciato già il mercato perchè aveva pochi fondi e soffriva l’eccesso di competitività. Ma ad esempio Mobike e Ofo sembra che vadano molto bene. A Parigi sono abituati alla sharing economy in ambito mobility, già nel 2007 ci provava Vélib, ancor prima che a New York e Londra. Quindi i parigini sono abituati a condividere un mezzo di trasporto con altri. Sempre a Parigi ci sono CityScoop e Coup, due servizi di city scooter elettrici, un po’ costosi ma molto popolari soprattutto per le lunghe distanze.

Veniamo al capitolo costi: del nuovo arrivato Lime alcuni lamentano il costo. Costa 1 euro lo sblocco del monopattino e 15 cent/al minuto la corsa. Un costo che se si considera una corsa di 20 minuti può portare a un dispendio di 4 euro. Più costoso di uno scooter di CityScoot un po’ meno di Coup. Una bici di Ofo per 20 minuti costa 0.50. Molti quindi non credono che molta gente sia incentivata ad adottare il modello Lime, anche perchè a Parigi il trasporto pubblico funziona molto meglio che a San Francisco, e al contempo la capitale francese potrebbe essere molto più ostica da attraversare in un monopattino rispetto alla metropoli californiana.

Molte città quindi adottano le proprie contromisure per sostituire il trasporto tradizionale, ma non sempre queste innovazioni hanno successo, ogni realtà scopre poi i servizi più funzionali in base a diversi fattori più o meno strutturali. Sta di fatto che Parigi c’ha un vasto assortimento, ora staremo a vedere se Lime otterrà i dovuti riscontri, attendendo magari un domani di vedere questi monopattini elettrici condivisi anche nelle nostre città.

Fonte: TechCrunch


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003