SALUTE

Negli Usa la telemedicina fa passi avanti a vantaggio dell’assistenza medica scolastica

28/05/2018
di Redazione

Negli Stati Uniti con la Telemedicina stanno facendo grandi passi avanti. Un campo in particolare che sta dimostrando è quello dell’assistenza sanitaria nelle scuole. L’innovazione tecnologica oggi consente all'infermiere scolastico di rivolgersi a esperti esterni, abbreviando i tempi e garantendo con maggiore efficacia la salute dei giovani. Con un ulteriore lato positivo: che gli utenti spesso ritornano in classe più rapidamente.

La Telemedicina ha fatto passi da gigante negli ultimi anni, ed ora, centinaia di scuole in America la stanno adottando egregiamente all’interno dei propri uffici di infermeria.

Le infermiere delle scuole stesse, affermano che la telemedicina aiuta molto a trattare gli studenti più velocemente proprio, riducendo anche il rischio di infezioni, riportando gli studenti in classe più velocemente e alleviando un grosso peso per le famiglie degli studenti che vedono alcune pratiche risolversi direttamente a scuola, senza viaggi in ospedale.

Ad esempio alla Abraham Lncoln School di New York, l’infermiera Amy Dickason ha a disposizione il sistema Health-E-Access, un programma che invia unità mobili di telemedicina alle scuole e ai centri per l'infanzia di zona. Questo è dotato di telecamere ad alta risoluzione, apparecchiature di diagnostica elettronica e videoconferenza, mediante il quale ciascun tecnico può avviare una consultazione tele-sanitaria con un medico specializzato. Per uno studente con un mal d'orecchi, per esempio, il tecnico può prima valutare il timpano di persona, fare video e foto del condotto uditivo e collegare lo studente a un medico per una consultazione specialistica in tempo reale.

Ken McConnochie, sviluppatore di Health-E-Access, afferma che la maggior parte dei casi viene completata entro 90 minuti dal momento in cui uno studente fa rapporto all'infermiere a quando il dottore firma la diagnosi. Durante quel periodo, il signor McConnochie dice che, oltre a prendercisi cura dello studente, il servizio avrà avvisato un genitore, tracciato un rapporto scritto che sarà stato puntualmente archiviato e avviato qualsiasi prescrizione, laddove se necessario, sarà stata già chiamata la farmacia preferita dal paziente.

Prima di tutto questo, la signora Dickason non poteva essere sicura che uno studente avrebbe visto un dottore solo perché glielo raccomandava. Gli orari di lavoro dei genitori, la mancanza di denaro o la mancanza di mezzi di trasporto spesso interferivano. “La telemedicina ha contribuito a risolvere molti di questi ostacoli”, afferma. "La telemedicina ha aperto una nuova possibilità per fornire assistenza sanitaria agli studenti che spesso non sono in grado di essere valutati e trattati attraverso le vie tradizionali”.

A Dallas, c'è una rete tele-sanitaria scolastica che serve più di 90 scuole nella zona. L'ufficio di ogni infermiera scolastica ha un carrello per la telemedicina con stetoscopi, otoscopi e altri dispositivi che possono trasmettere video e dati a medici e infermieri. Dalle speciali sale di consultazione a Children's Health, un importante ospedale pediatrico nella regione di Dallas, Stormee Williams, direttore medico della telemedicina scolastica, e il suo staff hanno diagnosticato e curato sinusiti, raffreddori e influenza, infezioni alle orecchie, pidocchi, eruzioni cutanee, asma , punture di insetti e altre affezioni comuni.

Il sistema ha i suoi limiti, ammette il dott. Williams. "Per esempio, non si è in grado di fare un esame addominale completo, che consiste nel toccare la pancia", dice. "La telemedicina non è la risposta ad ogni problema medico", aggiunge. “Ma per molti pazienti, può essere un primo passo necessario”. "Abbiamo sicuramente visto i pazienti e in seguito li abbiamo fatti vedere di persona sia attraverso un medico di pronto soccorso, personale di pronto soccorso o altri specialista", dice il dottor Williams.

In un momento in cui sparatorie a scuola e altri atti di violenza alimentano un appello per ulteriori servizi di salute mentale, gli esperti vedono anche la telemedicina come un modo per collegare in modo efficiente gli studenti con cure psichiatriche.

Ad esempio, se uno studente mostra sintomi significativi di depressione e ansia, un consulente scolastico o uno psicologo scolastico possono richiedere una valutazione da uno psichiatra infantile, sia tramite video che di persona, dice Sharon Hoover, co-direttore del Center for School Mental Salute presso l'Università del Maryland School of Medicine. Il consenso dei genitori è spesso richiesto prima di poter dare una consulenza psichiatrica. Le regole variano da stato a stato, ma i tele-psichiatri in genere cercano di coinvolgere i genitori.

L'uso della telemedicina come strategia di intervento precoce può aiutare a evitare "esiti negativi e molto seri", afferma Loren Nix, direttore di un'organizzazione che aiuta le scuole in Georgia, Tennessee e Florida promuovendo una partnership con i sistemi di telemedicina.

Vi sono però alcuni ostacoli per la creazione e diffusione della telemedicina nelle scuole, uno di questi è il finanziamento. Molti programmi attuali sono finanziati da sovvenzioni statali o federali o da ospedali o organizzazioni non profit locali. Ma questi programmi fattureranno e copriranno l'assicurazione dei genitori per il servizio quando questi non possono? Molti programmi di telemedicina si rivolgono a settori in cui gli studenti non sono coperti da un'assicurazione privata.

In North Carolina, il programma Health-E-Schools, sviluppato da Steve North, viene utilizzato in 55 scuole in quattro contee rurali e coinvolge anche chi non può permettersi le cure. Nel 2017, il 13% dei bambini trattati attraverso il programma non aveva alcuna assicurazione, afferma il Dr. North, che è anche fondatore e direttore medico del “Centro per l'innovazione della salute rurale”.

Le regole di ogni stato differiscono su come vengono rimborsati i dottori di consulenza e se questi pagano anche la scuola, dice John Schlitt, presidente della School-Based Health Alliance, un gruppo di advocacy con sede a Washington D.C.

Quasi tutti gli Stati consentono il rimborso per alcuni servizi di telemedicina, ma molti applicano delle limitazioni a dove possono essere utilizzati e i tipi di servizio coperti. Solo 16 programmi “Medicaid” di stato riconoscono le scuole come un sito idoneo per il trattamento della telemedicina.

Circa 167 progetti di legge relativi alla telemedicina sono attivi quest'anno nelle legislature statali, secondo il Center for Connected Health Policy. La legislazione per fornire un sostegno federale ai servizi sanitari scolastici, compresa la tecnologia della telemedicina, è stata proposta al Congresso nel 2016 e di nuovo nel 2017, ma è ancora nelle prime fasi del processo legislativo.

Le singole scuole che desiderano adottare la telemedicina possono affrontare anche un’altra serie di complicazioni, come quella che concerne la mancanza di spazio in loco, un’altra è quella che a volte porta in auge la protezione della privacy degli studenti.

A Rochester, la signora Dickason dice: "Molti degli uffici sanitari della scuola sono angusti per lo spazio e mancano di un'area designata che può essere utilizzata per le visite di telemedicina." In queste condizioni, afferma, "una conversazione privata o la tutela della riservatezza del paziente diventa un preoccupazione". Tuttavia, aggiunge, "viene fatto ogni sforzo per mantenere la privacy e la riservatezza".

La telemedicina nelle scuole è ancora relativamente nuova e, a volte, ottenere il consenso dei genitori può essere difficile, dice la signora Dickason. Ma finora ha trovato che i genitori sono per lo più favorevoli. "Una volta che i genitori hanno usato la telemedicina", dice, "si rendono conto di quanto sia utile per il bene dei propri figli e per loro stessi".

Fonte: WSJ


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003