CLOUD COMPUTING

Eco4Cloud: una startup per l’efficienza dei datacenter e del cloud computing

18/03/2016
di Lorenzo Ceotto

Dalla Calabria una startup che sta facendo grandi cose per il settore del cloud computing e dell’efficienza delle performance dei datacenter e delle virtual machine. Siamo lieti di aver incontrato i ragazzi del team di Eco4Cloud, spin-off del CNR e dell’UniCal, che da un progetto di ricerca oramai si sta affermando a livello nazionale e imprenditoriale, con riconoscimenti e partnership di grande spessore. Nell’intervista a seguire ci hanno raccontato il loro progetto innovativo, fra ricerca e imprenditoria, esempio virtuoso di progresso e sviluppo nel nostro Paese.

1. Come è nata Eco4Cloud? A che fase è dello sviluppo? Potreste illustrarci in sintesi la storia fino ad oggi di questa startup?

Eco4Cloud nasce nel 2011 all’Università della Calabria. Avevamo questo progetto di ricerca e abbiamo deciso di presentarlo in occasione della Start Cup Calabria, con ottimi feedback. Da lì siamo poi arrivati al Premio Nazionale Innovazione e l’abbiamo vinto, iniziando così il nostro percorso imprenditoriale. Attualmente Eco4Cloud è una delle più importanti realtà sul miglioramento delle performance dei data center aziendali, oltre che sul risparmio energetico e sull’efficienza di utilizzo delle virtual machine.

2. Quali sono le soluzioni innovative che fornite per modernizzare i data center?

Eco4Cloud ha una serie di prodotti altamente innovativi che permettono di migliorare l’efficienza dei data center per sfruttare al meglio la potenza delle virtual machine, utilizzando però meno macchine. Vi facciamo un esempio: attualmente, la vostra azienda utilizza 500 virtual machine per portare avanti le sue solite attività. Grazie alle soluzioni di Eco4Cloud, per fare le stesse attività ed allo stesso livello di efficienza, serviranno non più 500 macchine ma 300.

I nostri prodotti sono: Workload Consolidation, che serve ad ottimizzare e distribuire automaticamente i carichi di lavoro delle virtual machine; Smart Ballooning, che serve a ridurre drasticamente il consumo della memoria RAM delle VM; TroubleShooter che permette di correggere le configurazioni delle VM; Capacity Decision Support Manager che permette di pianificare al meglio l’acquisto delle risorse hardware.

3. Qual è l’apporto che può dare il cloud computing nell’efficientamento e nella qualità di servizi e applicazioni eseguite nei data center?

Il Cloud Computing è un fattore abilitante al cambiamento per l’IT delle grandi aziende, in quanto introduce il concetto di economia di scala nell’IT. L’Information Technology è spesso stato considerato un puro centro di costo, ma sempre più di frequente questa visione cambia, l’IT ha la responsabilità di generare profitti per l’azienda, e questo compito è reso possibile grazie al Cloud.

Diverse aziende prevedono di cambiare addirittura il proprio modello di business, passando attraverso il Cloud e il digitale.

4. Come si attua il connubio virtuoso tra risparmio energetico e data center?

Le nostre soluzioni vanno oltre il risparmio energetico, perché da solo questo non basta. Noi siamo partiti dal risparmio energetico, ma lavorando ci siamo resi conto che questa non era la voce di spesa maggiore. Le nostre soluzioni software vanno molto oltre, e riguardano i grossi centri di spesa come il rinnovamento delle infrastrutture ed il loro mantenimento, o la possibilità di ottimizzare l’utilizzo delle macchine usando meno risorse rispetto a quelle attuali.  

Faccio un esempio per essere maggiormente chiaro: Eco4Cloud, ad esempio, offre due tipi diversi di risparmio. Il primo è quello, immediato, sui costi: se prima utilizzavi 100 macchine per fare un lavoro e adesso ne utilizzi 60, le altre potrai spegnerle e risparmiare energia.

Ma c’è un secondo livello, molto più consistente e conveniente per le aziende: utilizzando meno server, il ricambio sarà inferiore e se ne acquisteranno in quantità minore. Se ogni anno su 100 macchine ne cambi 20, perché arrivano a fine vita, il primo anno non dovrai acquistarne e il secondo, magari, ne acquisterai solo 10. Per questo motivo le nostre soluzioni hanno un ROI(Return on Investment) molto profittevole, che ti porta a triplicare il tuo investimento in tre anni.

5. Come saranno i Data Center del futuro, quale evoluzione si sta tracciando di questi sistemi?

Dal nostro punto di vista, le innovazioni più interessanti nel mondo Data Center sono due: la containerization, e le piattaforme hyper-converged.

Le soluzioni di containerizzazione, Docker in prima fila, permettono di standardizzare gli ambienti di sviluppo e quelli di produzione, garantendo un rilascio dei software più agile e veloce. Nel mondo Data Center si propongono come una valida alternativa alla virtualizzazione, con il pregio di essere molto meno demanding dal punto di vista delle risorse HW necessarie ad eseguire workload.

Le piattaforme hyper-converged sono dei pacchetti di hardware, software e assistenza in grado di semplificare enormemente la fase di setup dei server.

6. Lo scenario attuale nell’ambito Data Center e Cloud? L’Italia come sta reagendo? Potreste fornirci il vostro punto di vista su tale questione?

La dimensione del mercato di Data Center e Cloud in Italia non è enorme, tutt’altro. Stime Gartner dimensionano il mercato italiano pari all’1% del mercato europeo.

Storicamente l’Italia nell’IT ha sempre prodotto soluzioni innovative, e questo vale anche in questo specifico mercato, dove esistono diverse soluzioni particolarmente interessanti.

Le difficoltà sono tante, ma si leggono diversi annunci di apertura di nuove infrastrutture di Data Center, in Italia. Questo è un segnale positivo.

7. Marco Patuano, AD di Telecom, ha elogiato il vostro operato, vi ha messo fra le aziende innovative più stupefacenti del periodo. Potreste raccontarci come nasce la vostra collaborazione con Telecom e verso quale direzione sta andando?

L’amministratore delegato di Telecom ci ha fatto sentire in più occasioni il suo sostegno e siamo fortemente grati a lui ed a Telecom per l’appoggio che ci ha dato. La nostra collaborazione con Telecom risale all’inizio della nostra vita aziendale: ci hanno da subito notati al Premio Nazionale Innovazione e dopo una serie di test, hanno deciso di credere in Eco4Cloud e nelle nostre soluzioni: attualmente Eco4Cloud è installato in sedici server farm Telecom, da Bari a Rozzano, per un totale di circa 15 mila virtual machine ed i risultati sono finora estremamente positivi. Proprio per questo motivo siamo soddisfatti degli apprezzamenti che arrivano sia dall’AD Patuano, sia da chi collabora con noi in Telecom e può apprezzare giorno dopo giorno la qualità dei nostri prodotti e quanto siano riusciti a migliorare l’offerta della più grande telco italiana. 


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003