TECNOLOGIA

Come si evolve il mercato dell’IoT

09/04/2018
di Redazione

Il mondo dei dispositivi intelligenti che dialogano tra loro e con la Rete è solo all’inizio e in continua espansione. Da quanto emerso da una ricerca dell’Osservatorio IoT del Politecnico di Milano, nel 2017 ha totalizzato un volume d’affari per 3,7 miliardi con un incremento di oltre il 32% sull’anno antecedente. Uno scenario che vede per lo più imprese coinvolte nella trasformazione digitale delle fabbriche e privati che collaborano con la PA nei progetti di smart city e digitalizzazione. I consumatori che si focalizzano sulle innovazioni intelligenti per la casa, l’auto, la salute e il tempo libero.

Le aree più attive riguardano lo smart metering, dove sono 2,4 miliardi i contatori del gas installati e 1,8 milioni gli smart meter elettrici di seconda generazione. Si consolida anche il mercato delle smart car con più di 11 milioni di veicoli connessi, in rapporto ai 7,5 milioni del 2016. In due casi su tre concerne le “scatole nere” sulle vetture.

Inoltre l’IoT prende piede nella gestione delle flotte aziendali, della logistica e degli antifurti satellitari con oltre 1,2 milioni di SIM attive, che ha registrato una delle crescite più forti del 2017 con il 45%. Tra le novità del 2017 abbiamo la smart factory con un business da 150 milioni, il controllo dell’avanzamento della produzione, la gestione della manutenzione e il supporto agli operatori nelle attività sulla linea.

Nell’ambito IoT si percepisce l’importanza dei dati raccolti, l’analisi dei big data e il conseguente uso di algortimi di intelligenza artificiale, l’introduzione di policy per garantire privacy  e sicurezza nonché protezione dei dati raccolti dagli oggetti connessi in rete, a maggior ragione in tempi di General Data Protection Regulation.

Sul fronte smart city e smart home: per le prime si punta a delle soluzioni legate a servizi e infrastrutture pubbliche come l’illuminazione pubblica, la mobilità e la sicurezza. Il valore delle smart home tocca i 250 milioni, in tal ambito negli Usa il 2017 è stato l’anno degli smart speaker, assistenti vocali. Lo smart building invece vale 520 milioni e le aree applicative più diffuse sono la videosorveglianza e la gestione remota degli impianti fotovoltaici.

Nell’arco di quest’anno si stima che verranno installati almeno 4 milioni di nuovi contatori del gas e 5,5 milioni per la luce. Vodafone sta creando reti narrowband. È in atto una corsa alla miniaturizzazione dei sensori e dei dispositivi, si mira a ridurre il consumo energetico, i costi e ad aumentare le informazioni raccolte. Si sviluppano protocolli di comunicazione a lungo raggio ed in futuro le info coinvoglieranno sempre di più sulle reti 5G.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003