TECNOLOGIA

Una nuova tecnologia che registra i movimenti del tuo corpo attraverso i muri

12/06/2018
di Redazione

Il Laboratorio di Computer Science e Artificial Intelligence del MIT (Massachussetes Institute of Technology), ha creato un sistema che può vedere e tracciare i movimenti di una persona anche attraverso i muri, ricostruendo il nostro corpo, il nostro portamento, le movenze, i passi, la seduta o anche il semplice stare fermi.

Il sistema utilizza onde RF per identificare dove siamo e ricreare le movenze del nostro corpo, l‘innovazione è stata chiamata “RF-Pose”. Da quando descritto dal team di ricercatori, il sistema, utilizza una rete neurale per analizzare i segnali radio che rimbalzano sui corpi delle persone; questi poi possono ricreare una figura stilizzata che cammina, si ferma, si siede e si muove in relazione alla persona che esegue quelle azioni.

Il team afferma che il sistema potrebbe essere utilizzato per monitorare malattie come il Parkinson e la Sclerosi Multipla (SM), fornendo una migliore comprensione della progressione della malattia e consentendo ai medici di adeguare i farmaci in base a questa. Potrebbe anche aiutare gli anziani a vivere in modo più indipendente, fornendo al contempo una componente di sicurezza aggiuntiva nel monitoraggio di cadute, lesioni e cambiamenti nelle abitudini e attività dell'anziano.

Il team è interessato principalmente all'utilizzo di questo sistema per l'assistenza sanitaria, consentendo il monitoraggio passivo di un soggetto all'interno di una stanza senza telecamere o altre componenti intrusive. "Tutti i dati raccolti dal team hanno il consenso dei soggetti e sono resi anonimi e crittografati per proteggere la privacy degli utenti", hanno scritto i ricercatori. "Per le future applicazioni del mondo reale, il team prevede di implementare un meccanismo di consenso in cui la persona che installa un dispositivo è costretta a eseguire una serie specifica di movimenti affinché questa inizi a monitorare l'ambiente".

I ricercatori hanno addestrato la rete neurale mostrando a una macchina un video di una persona che cammina accanto all'interferenza delle onde RF mentre queste si muovevano. Poi hanno sovrapposto le figure stilizzate sul movimento e hanno addestrato la rete neurale a fare lo stesso automaticamente. Dato che i segnali RF sono onnipresenti, era più facile da usare rispetto ad altre tecnologie di rilevamento. È interessante notare che i ricercatori non hanno mai addestrato il sistema a vedere attraverso i muri, ma questo è stato in grado di "generalizzare le sue conoscenze per essere in grado di gestire il movimento attraverso la parete".

"Se si pensa al sistema di visione artificiale come insegnante, questo è un esempio davvero affascinante dell'allievo che supera il maestro", ha detto il ricercatore Antonio Torralba.  Attualmente non si sa se il sistema verrà utilizzato per altri scopi commerciali.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003