ECONOMIA

confusi covid-19

11/05/2020
di Redazione

Il digitale consente di esaminare avvenimenti del passato, presente e futuro. Nel 1918 la “spagnola” H1N1 colpì circa un terzo della popolazione mondiale durante la pandemia, nel 1957 l'influenza asiatica H2N2 e nel 1968 ci fu l'influenza di Hong Kong H3N2. Ricordiamo, nel 2009, l’influenza pandemica AH1N1 ed infine, l'11 marzo 2020, il Covid-19 che è stato classificato come pandemia.
Da settimane, leggiamo informazioni sull’emergenza Covid-19, spesso errate, fornite dagli esponenti delle istituzioni, che invece dovrebbero cercare di diffondere informazioni corrette per non diffondere confusione generale.
Milioni di italiani ormai attendono i comunicati del Premier, che tra conferenze stampa televisive e dirette social, quasi settimanali, contribuiscono a diffondere incertezza, dubbi, sia tra i cittadini che tra le autorità regionali. Tutto ciò si verifica poiché manca la cabina di Regia delle comunicazioni in grado di dirigere l’orchestra.  
 
Sappiamo che il consiglio di amministrazione dei cittadini, che si riunirà lunedì sera, molto probabilmente adotterà azioni riguardanti il comparto sanità e in generale le azioni da adottare dal 18 maggio in poi.
 
Non bisogna dimenticare che il governo, in 100 giorni di lotta al coronavirus, ha prodotto 224 atti centrali, (fino al 7 aprile 2020) 539 atti regionali, 22 decreti-legge dpcm, 323 articoli, 57 ordinanze, 127 atti ministeriali, costituito 50 Task Force. In tutto tra incarichi e strutture per le emergenze si contano 1460 persone, pari alla popolazione di un comune. Se ad essi aggiungessimo 10 collaboratori esterni alle varie strutture, avremmo un totale di più di 14 mila persone..
Chi sbaglia? come Ulisse “nessuno”.

← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003