SOCIALE

Premio Simpatia a Gianna Nannini, per il suo impegno civile

14/06/2012
di Lucilla Quaglia

Le donne e i diritti. Un grande impegno morale e civile che da sempre caratterizza Gianna Nannini e che ha convinto l’illustre giuria della quarantaduesima edizione del Premio Simpatia ad assegnarle il prezioso riconoscimento. La bellissima rosa in bronzo, opera dello scultore Assen Peikov e simbolo del premio, le è stata consegnata di recente nella prestigiosa Sala della Protomoteca. Assieme alla rockstar, premiate tante altre eccellenze cittadine ma soprattutto i talenti sommersi e le storie umane che rappresentano il silenzioso cardine, spesso dimenticato, del vivere quotidiano.

Il prestigioso premio, diventato oramai uno dei simboli della Città Eterna - ideato dal celebre studioso della romanità Domenico Pertica - anche quest’anno ha ricevuto un Premio di Rappresentanza dal Presidente della Repubblica.

Ricca e articolata la rosa dei trentasette premiati che hanno affollato le diverse categorie selezionate da famosissimi giurati come Carlo Verdone, Christian De Sica, Cesare Andrea Bixio, Pippo Baudo, Giorgio Assumma, Alessandro Nicosia, Carlo Gianni, Gigi Magni, Simona Marchini, Marisela Federici, Renzo Gattegna, Bruno Piattelli, Athos De Luca, Gigi Proietti e Micol Fontana.

L’evento, presentato da Paola Saluzzi e Pino Strabioli, ha premiato, per le istituzioni, Paolo Peluffo, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e quindi l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile e tutte le Forze dell’Ordine.

Per la ricerca, il professor Vito Pansadoro, per letteratura e storia lo scrittore e critico Giordano Bruno Guerri.

Per lo spettacolo premio a Pierfrancesco Favino, ovvero l’indimenticabile “Libanese” della Banda della Magliana in “Romanzo Criminale”, di Michele Placido, che proprio di recente ha conquistato il David di Donatello per la sua interpretazione in “Romanzo di una strage”, di Marco Tullio Giordana. E ancora premi a Stefania Rocca, Carolina Crescentini, Milena Vukotic, Ricky Memphis, Marco Giallini, Enzo Decaro, Antonello Fassari, Brenno Placido, per la regia Dario Argento, allo studio Lucherini - Pignatelli, a Franco Mariotti (Cinecittà) e per il teatro Alberto Macario e “La compagnia degli ex giovani“ dell’Associazione Alberto Sordi. Per l’arte Federica Galloni, direttore Beni Culturali e paesaggisti del Lazio, Marcello Pezzetti, direttore Museo della Shoah, Maurizio Varamo, direttore delle scenografie del Teatro dell’Opera, e Santo Versace, presidente “Operation Smile”.

Riconoscimento al “Simpatico d’Italia” Sergio Agnoli, maratoneta classe 1926. E per le storie premio ad Alfredo Tonelli per il recupero dei ragazzi del Laurentino 38 e poi a Giancarlo Proietti, direttore del giornale “Cara Garbatella”, e allo storico guardaportone del Campidoglio Edo Citti.

Per la solidarietà, premio speciale agli abitanti de L’Isola del Giglio. Per le tradizioni romane, la Storica Bottega Colletti. Per lo sport il “Progetto Filippide”, dedicato ai ragazzi autistici, e per l’imprenditoria Eugenio Batelli, presidente dell’Acer.

La manifestazione, aperta e chiusa dal Gruppo Rinascimentale "Tres Lusores" di Cori, è stata realizzata con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale e della Provincia di Roma.

Un grazie a Publispei, Banca Popolare di Ancona e Medusa film.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003