Idrogeno sì

La chiave per ottenere energia rinnovabile al 100% in Europa ha un nome, si chiama idrogeno verde. La Commissione europea ha presentato la “Strategia dell’idrogeno” e rappresenta non solo un’occasione per raggiungere la neutralità del carbonio ma anche una opportunità per far diventare l’Europa protagonista attiva in questo nuovo mercato e portare avanti gli obiettivi posti sui tavoli mondiali per raggiungere la transizione energetica.
 
La priorità è l’efficienza energetica e l’idrogeno verde in questo campo è il perno da cui far partire visioni strategiche e a lungo termine per immagazzinare energia. Si tratta quindi di un nuovo vettore energetico affidabile ed efficiente che ci rimanda verso un sistema basato su energie rinnovabili. Queste ultime ci consentono di produrre e poi distribuire, su scala locale, energia essenziale per garantire la sicurezza energetica dando oltremodo la possibilità alle realtà territoriali, dunque ai cittadini, di partecipare attivamente alla transizione. Per questo si tratta di una sfida a livello globale e l’alleanza deve mettere insieme esperti diversi e indipendenti tra loro per creare un quadro comune e di condivisione di uno sviluppo che possa giovare tutti.
 
Oltre alle visioni e alle alleanze, anche da un punto di vista politico, i vantaggi che ne scaturiscono sono molteplici a partire dalla creazione di posti di lavoro- si stima di circa nove milioni nei prossimi tre anni secondo l’Agenzia internazionale per l’energia. Ma anche dal punto di vista della salute umana: l’idrogeno verde riuscirebbe a trasformare l’industria europea “neutrale” dal punto di vista climatico, ovvero attraverso la decarbonizzazione dei settori dove la riduzione di carbonio risulta essere più difficile. E del resto curare l’ambiente vuol dire curare sé stessi, perché se le piante non respirano più e vengono soffocate da questi gas serra altresì l’essere umano ne risentirà. Ridurre la cd. “impronta di carbonio” deve essere una delle priorità con l’auspicio che si crei una solida politica industriale per le energie rinnovabili: dunque considerando l’offerta ma anche la domanda, nonché garantire una adeguata rappresentanza delle nostre industrie nei prossimi incontri industriali a livelli europeo.
 
Il futuro si tinge di verde e per ottenerlo è fondamentale supportare a tutti i livelli questa transizione che ci offre un miglioramento della qualità della vita, rafforza l’economia e ferma il cambiamento climatico in atto. PMI, centri di ricerca, ONG, associazioni, università attraverso un approccio complessivo, democratico ed inclusivo possono fare la differenza e contribuire a far diventare l’Europa un continente ad emissioni zero nel 2040.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,517FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share