Ci mancava la guerra

Si è parlato molto di pandemia e taluni hanno paragonato la pandemia alla guerra e, almeno nel lessico utilizzato dai giornalisti, la situazione sembra essere simile. In realtà, la guerra è una cosa diversa, dolorosa e triste.

La stragrande maggioranza di noi non ha avuto modo di assistere a guerre nel nostro Continente e Putin ci ha purtroppo ricordato cosa significhino gli orrori del conflitto. L’Ucraina è riuscita a raccogliere il mondo intorno a sé, cercando di convincere i veri uomini della pace a intervenire e il presidente ucraino Zelensky ha dimostrato grande tempra politica e tenacia nella gestione del conflitto, nonostante il suo passato da attore non deponesse a suo favore.

L’Ucraina ha ufficialmente avanzato la richiesta di adesione all’Unione Europea e quest’ultima, dal canto suo, parrebbe disponibile ad accettare la richiesta. La notizia non farà certamente piacere a Putin, anche se il Presidente russo sta agendo con slealtà visto che, pur avendo aperto un tavolo di trattative in Bielorussia, ha coordinato nuovi attacchi sulle città ucraine di Kiev e Kharkiv nonché un nuovo dispiegamento di forze.

È importante, ora più che mai, dialogare e arrivare a una conclusione pacifica. Le sanzioni finora erogate contro la Russia sono ingenti e mirate, ma non interrompono la scia di morte e distruzione seminata dai russi in terra ucraina, coinvolgendo anche i civili che nulla hanno a che fare con la guerra.

L’Italia, che si vedeva rinvigorita dagli oltre sei punti di PIL nel 2021, a causa della crisi energetica rischia di azzerare completamente la ripresa economica. Si spera che il post pandemia e la guerra facciano ragionare i ben pensanti, visto che l’energia costa ogni giorno di più e che il nostro Paese è completamente dipendente dal gas russo: la riaccensione delle centrali a carbone per motivi di emergenza nell’approvvigionamento non è una buona notizia, così come l’aumento delle importazioni di gas dall’Algeria. Pertanto, è necessario fare dei programmi energetici che elimino questa componente di dipendenza e rendano l’Italia meno ricattabile sul piano politico internazionale, al fine di essere anche competitivi.

Per due anni abbiamo sentito esperti, pseudo-esperti, medici e virologi parlare in televisione della pandemia. La guerra ha chiuso l’argomento spostando l’attenzione sull’Ucraina, ma purtroppo già si notano molti virologi partecipare, in maniera pietosa, a talk show di tipo politico. La speranza è che almeno i politici non utilizzino la guerra come nuovo pretesto per mettere in scena le passerelle televisive. Auspichiamo anche che a breve giro si possa finalmente parlare di cose diverse e meno allarmanti. Tutti sono a favore della pace.

Articolo precedenteIl Metaverso
Prossimo articoloLa scienza dei dati
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,483FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share