Il principe Draghi

In questi giorni stiamo assistendo ad un teatrino a dir poco vecchio e superato.

Si critica Draghi non per incapacità, in quanto tutti riconoscono il prestigio e la capacità dell’uomo sia in ambito nazionale, europeo ed internazionale, non a caso sostenuto da tutte le forze politiche.

Cosa sta succedendo? Semplice: ci sono da rinnovare 518 consigli d’amministrazione e quindi l’interesse è partitico e politico. Ognuno prende posizione per difendere la persona di riferimento, per esempio Cassa depositi e prestiti, Ferrovie dello Stato, ecc.

L’errore di Draghi qual è? È di mettere tecnici e gente di prestigio presso queste realtà che sono al livello internazionale e non avendo il Presidente Consiglio un suo partito cerca di muoversi secondo le auspicate capacità manageriali e gestionali.

Da quello che vediamo ancora una volta sono solo parole, all’atto pratico si ritorna alla vecchia politica.

I 5 Stelle che ad oggi sono rimasti ad 1-2 stelle rischiano ormai di essere cancellati dalla vita politica del paese, e pertanto puntano a giocare in difesa.

Stiamo costatando che anche il PD ha cercato un matrimonio anomalo con 5 stelle che ormai è il terzo partito del nostro paese.

È normale quando uno sta poco bene va dal medico per una cura e per cercare di ritornare in forze. Il PD in periodo di Covid non conosce un medico. È inutile riempirsi la bocca “facciamo questo per il bene del Paese”, è una frase che fa perdere voti in quanto nessuno ci crede.

Normalmente il politico pensa di essere furbo, intelligente, scaltro e tutti gli altri dei poveri stupidi. Si sta verificando un vero boomerang che lo stupido è il politico, ed il cittadino in momenti di ribellione ha mostrato di votare il nulla, cioè 5 stelle.

La colpa non è del cittadino in quanto disperato, è colpa dei politici che pensano di essere furbi. Quale è il rinnovamento politico? È nominare sindaci gente della società civile, del mondo della cultura e persone di prestigio.

Forse solo in questo modo si dimentica la pessima politica con uomini che non sono coinvolti in scandali.

Infine un invito ai magistrati, non fate dichiarazioni dinnanzi ad un evento, il vostro compito, indagare, valutare e il momento difficile è quello di decidere. I processi non si fanno in televisione, e sui giornali, perché ciò significa che siamo ancora al tempo delle tribù.

Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,509FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share