La resilienza nell’impresa

La situazione del nostro paese Italia e dell’Europa è nota a tutti ed è per questo che vogliamo soffermarci su un altro campo, più stimolante, che è quello dell’innovazione: la resilienza di un’impresa. Secondo il nostro DIHV- Digital Innovation Hub Virtuale- per realizzare in maniera concreta la resilienza bisogna valutare di volta in volta le esigenze di un’impresa per creare una metodologia che consenta di avere i giusti riscontri partendo dai processi e modelli di business collegati alle dotazioni tecnologiche, sia in ambito ICT sia in quello digitale.

In una impresa, tra i ruoli importanti, vi è quello che riguarda i responsabili di HR-Human Resources- impegnati a garantire la resilienza delle strutture organizzative sostenendo l’evoluzione delle risorse umane attraverso nuove forme di lavoro, in modo non solo da garantire la loro soddisfazione ma anche la continuità del business rispondendo pienamente alle esigenze dei clienti.

I responsabili delle operations, invece, devono focalizzarsi sull’ottimizzazione della supply chain basando la sua resilienza su diversi fattori a partire da: trasparenza, tracciabilità, gestione dell’inventario e della domanda, pianificazione, capacità produttiva e distributiva cercando di avere un focus anche sulla logistica, sulle modalità di trasporto e sulla sicurezza dei vari operatori. Vi sono poi i responsabili di aree di amministrazione e finanza, CFO (Chief Financial Officer) che devono lavorare al mantenimento della solidità finanziaria aziendale. Costi, profittabilità, difficoltà per esempio nel settore del commercio a partire dal calo delle vendite, liquidità per avere risorse da destinare ad un’ampia gamma di investimenti destinati ad operazioni societarie o per adeguare la tecnologia. Sono i principali obiettivi di resilienza di queste figure aziendali.

Tuttavia, non si può non affiancare alla dimensione “umana” quella tecnologica che, ormai, continua ad avere un ruolo imprescindibile di abilitazione. L’utilizzo di strumenti di comunicazione e di collaboration, così come l’adozione di servizi cloud, soluzioni di advanced analytics, piattaforme evolute di e-commerce e di IoT è destinato secondo il DIHV a rafforzarsi ulteriormente a supporto delle strategie aziendali nel post covid-19. Per sfruttare compiutamente le opportunità rese disponibili da tecnologia, servizi, soluzioni e piattaforme è necessario che queste “poggino” su infrastrutture resilienti. Un ruolo importante è riservato alle TELCO in grado di comprendere i bisogni delle imprese e mostrare anche attenzione agli studi e ordini professionali nel loro complesso. Le TELCO devono essere in grado di offrire una rete centrata su una funzionalità di virtualizzazione ed automazione e nello stesso tempo flessibilità, controllo e agilità, elementi che secondo noi si trovano alla base della resilienza infrastrutturale.

L’innovazione consente di avere soluzioni del tipo network functions virtualization che rappresenta un “overlay”, vale a dire un livello virtuale che si sovrappone alla rete fisica esistente detta “underlay”. Con la suddetta soluzione si crea un network intelligente che permette all’IT manager non solo di configurare ogni nuovo elemento ma anche di aggiungere o rimuovere componenti di rete a partire dallo switch, router, firewall. Sono operazioni che avverranno in maniera non manuale ma automatizzata per mezzo di un’unica interfaccia di rete.

Oggi all’interno delle imprese di parla molto di dati e pertanto la crescita della trasmissione degli stessi mette in difficoltà le reti di telecomunicazioni di tipo tradizionale che magari li gestiscono con fatica. La crescita dei dati secondo, il DIHV, va considerata come un trend di crescita, almeno nel breve periodo, del 22% sul volume dei dati che riflette la crescente adozione di servizi cloud e di video streaming nonché la sempre maggiore digitalizzazione delle aziende. Lo scenario descritto è meramente indicativo in quanto è molto vasto e nello stesso tempo, come già accennato, va ben esaminato di volta in volta con l’azienda che pensa di avere un passaggio “dal tradizionale alla digitale”.

Ora più che mai, in questo momento di post Covid, sono necessarie collaborazioni d’intesa che promuoverò attraverso il rotary, onorato di farne parte e di aver ricevuto, quest’anno, la veste di presidente del distretto Lazio e Sardegna 2080 della Commissione “Azione professionale”. Avrò dunque modo, d’intesa con il governatore, di interagire con gli altri ordini per portare il contributo, la cultura e la conoscenza del rotary.

Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

566FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Idrogeno sì

La chiave per ottenere energia rinnovabile al 100% in Europa ha un nome, si chiama idrogeno verde. La Commissione europea ha presentato la “Strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter