Proroga all’emergenza

Emergenza sì, emergenza no. Sembra il titolo di una canzone Rap ma non lo è. Si tratta invece della posizione dei cosiddetti scienziati che dovrebbero darci dei lumi sul piano del comportamento in relazione alla Pandemia in corso.

Il Paese non ha nessuna colpa se alcune norme vengono rispettate e talune no, in quanto la stessa posizione dei cosiddetti scienziati non è univoca e tra l’altro la loro risposta è ormai costante: dinnanzi a nuove realtà non è possibile essere puntuali e precisi.
Nessuno ha mai preteso dinnanzi a processi e situazioni innovative delle risposte immediate. La pretesa è un’altra (o una mera illusione), ossia di avere un interlocutore preparato, serio e qualificato nel fare delle diagnosi. Mettere in discussione che il medico non ha più questo ruolo e prenderne atto significa creare un vulnus quasi irreversibile nella fiducia nei confronti di quest’ultimo.

La comunicazione sarebbe dovuta partire, innanzitutto, da una fonte ben precisa la quale poteva essere solo ed esclusivamente, ad esempio, l’Istituto Superiore di Sanità, con bollettini non quotidiani ma settimanali. Invece si è assistito al proliferare di talk show, serate di arte varia, spettacoli di ogni tipo, i quali hanno sempre focalizzato l’attenzione sul Covid, creando non sempre una comunicazione di facile percezione.

Abbiamo visto medici sconosciuti del nostro territorio diventare delle star, inducendo le persone benpensanti, serene non schierate politicamente a seguire il pensiero di A, il pensiero di B, ecc., arrivando il più delle volte a conclusioni che nulla hanno a che fare con scienza.

Per completare l’opera abbiamo una proroga dello stato di emergenza, condivisibile o meno, immediatamente legata al ruolo del presidente Mario Draghi, vincolato ora al suo ruolo e quindi non candidabile per Presidente della Repubblica. In un tale quadro sarebbe auspicabile porsi nelle condizioni di poter misurare la differenza tra comunicazione erogata e comunicazione percepita.

Articolo precedenteUE e blockchain
Prossimo articoloRicerca e innovazione tecnologica
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,504FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Le cryptovalute e il metaverso

Come si è già avuto modo di scrivere in precedenza (per riferimenti, si veda questo link) il metaverso rivoluzionerà il mondo come lo conosciamo,...

DECALOGO PER CONTRIBUIRE DA SUBITO AD UN AMBIENTE PIU“GREEN”

Cosa possiamo fare noi - da subito - per l’ambiente, in modo da lasciare ai nostri figli un mondo meno inquinato e non destinato...

Ambiente e COP26

Ambiente Parlare di ambiente, ormai, è diventata una moda, speriamo di no! Le tecnologie e i processi innovativi sono di aiuto all'ambiente. Per esempio, anche...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share