Industria 5.0 , un nuovo paradigma per la trasformazione industriale

La necessità di un nuovo paradigma industriale, oltre Industria 4.0, si è resa negli anni più necessaria in relazione a sfide economiche e sociali sempre più complesse e pressanti, quali:

  • Cambiamenti climatici e crollo della biodiversità
  • Scarsità di risorse
  • Shock globali come la pandemia di COVID-19 e, più recentemente, la guerra in Ucraina

Tali sfide non possono essere affrontate in modo efficiente con approcci puramente industriali . Ad esempio, l’attuale standard “Industria 4.0” mira a ridefinire il settore industriale attraverso l’adozione di nuove tecnologie digitali, nuovi materiali e nuovi processi. Si riferisce a “l’uso nella produzione industriale di tecnologie digitali recenti e spesso interconnesse che consentono processi nuovi e più efficienti e che in alcuni casi producono nuovi beni e servizi”. (OCSE, La quarta rivoluzione industriale).

Nel recente policy paper “Industry 5.0, a transformative vision for Europe – Governing systemic transformations towards a sustainable industry” (CE, gennaio 2022), un gruppo di esperti sostiene che Industry 4.0 è essenzialmente un paradigma industriale incentrato sulla tecnologia e orientato alla crescita. Che manca di un’adeguata considerazione delle dimensioni ambientali, sociali e di sviluppo sostenibile delle attività economiche.

Allo stesso modo, costruire la resilienza all’interno della nostra economia esistente e trasformarla in modo che sia più resiliente a shock e stress futuri, implica che la mitigazione degli effetti delle pandemie dovrebbe essere più ambiziosa che mirare a un ripristino dello status quo precedente. C’è bisogno di nuove risposte sistemiche.

Industria 5.0 cerca di fornire una tale risposta e “fornisce una visione dell’industria che mira oltre l’efficienza e la produttività come unici obiettivi e rafforza il ruolo e il contributo dell’industria alla società”. ( Cfr. Commissione Europea). Completa l’attuale approccio “Industria 4.0” mettendo specificamente la ricerca e l’innovazione al servizio della transizione verso un’industria europea sostenibile, incentrata sull’uomo e resiliente.

Un sistema industriale basato sul paradigma dell’Industria 5.0 sarà idealmente:

  • Responsabile a livello di catena del valore e di ecosistema, piuttosto che concentrato sull’ottimizzazione dei singoli business
  • Rigenerativo e circolare per design, piuttosto che costruire sul consumo
  • Autosufficiente e adattivo, meno fragile, piuttosto che dipendente dall’importazione di materie prime strategiche ed energia
  • Decentralizzato, piuttosto che completamente globalizzato, soprattutto – ma non solo – nel settore alimentare
  • Digitalizzato con uno scopo, piuttosto che dare la priorità ai modelli di business digitali che accelerano i modelli di consumo tradizionali

Pur trattandosi di un nuovo concetto, il contenuto dell’approccio di Industria 5.0 si basa fortemente e integra le politiche europee esistenti come:

  • Adozione di un approccio incentrato sull’uomo per le tecnologie digitali, compresa l’intelligenza artificiale
  • Migliorare e riqualificare i lavoratori europei, in particolare le competenze digitali
  • Industrie moderne, efficienti sotto il profilo delle risorse e sostenibili e transizione verso un’economia circolare
  • Un’industria globalmente competitiva e leader a livello mondiale, che accelera gli investimenti in ricerca e innovazione
  • Il ruolo dei decisori politici nell’Industria 5.0

Mentre l’Industria 4.0 era principalmente un paradigma basato sulla tecnologia, la trasformazione industriale che costruisce il paradigma dell’Industria 5.0 implica la convergenza e la sincronizzazione delle politiche, che di solito sono sotto la responsabilità di diverse istituzioni. Di conseguenza è anche necessario che i responsabili politici adattino il loro pensiero e la loro pratica.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,481FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share