Il Metaverso

Sentieri digitali e Si – I.E.S. hanno pubblicato sull’argomento Metaverso. Si chiamerà “Meta – Meta” perché in greco significa “Oltre” e Mark Zuckerberg vuole, appunto, andare “Oltre” il business model fin qui seguito, vale a dire fare soldi controllando una serie di app tra loro interconnesse come Facebook, Instagram, Messenger, What’s App, ecc.

Il Metaverso è l’evoluzione naturale della rete. La rete che va oltre l’online e si trasforma in una società a sé, un meta – luogo online dove sarà riprodotto un mondo simile al nostro, simile all’universo di Matrix.

Nel Metaverso ci saranno le città, le strade, i negozi e le case. Certamente tutto virtuale, ma naturalmente reale. Quindi sarà una realtà immessa, dove potremo andare al cinema, fare shopping, incontrare gli amici, fare una passeggiata nella città che preferiamo. Tutto con il nostro avatar mentre il nostro corpo sarà tranquillamente a casa nostra, senza muoversi. Vivendo una vita nel Metaverso.

Per meglio comprendere l’esempio di proto – metaverso esistente è quello dei MMORPG, che riguarda i giochi su internet e i giochi di ruolo in rete con milioni di partecipanti in tempo reale.

La pandemia è stata per molti Big Tech, in quanto le persone sono state costrette a stare in casa tra lockdown e coprifuoco e a ricorrere quindi ad app di smart working – Zoom, Google, Microsoft Teams ecc. Pensate al nostro sosia Metaverso, invece di collegarsi da casa davanti allo schermo del pc, potremmo partecipare di persona alle riunioni di lavoro con il nostro avatar. Non solo! Vale anche per la scuola, per l’università, per la ricerca in un laboratorio.

Metaverso forse cambierà il mondo (ed alcuni cattivi faranno riferimento al Covid 19), l’economia forse sarà diversa da quella attuale ma sarà un’economia vicina a quella digitale, o meglio nativa digitale.

La Metaeconomia va verso la criptovaluta. Facebook in Europa investirà con la creazione di diecimila posti di lavoro in cinque anni. Il Metaverso va verso il marketing e le relazioni di branding. Andiamo verso il virtuale che si unisce al reale. Siamo sul neuromarketing e sull’intelligenza artificiale.

Serve la conoscenza profonda dell’utente durante tutta la sua customer journey, resa possibile tra l’integrazione di tecnologie innovative come l’IA, il neuromarketing e l’ex design che si fondano con attività di marketing capaci di far ripercorrere all’utente il valore esperienziale e commerciale del prodotto con il paradosso tra performance di MK e attività di branding. Ecco fin dove arriva il Metaverso.

Articolo precedenteIl Digitale – competenze digitali
Prossimo articoloG20
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,503FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Le cryptovalute e il metaverso

Come si è già avuto modo di scrivere in precedenza (per riferimenti, si veda questo link) il metaverso rivoluzionerà il mondo come lo conosciamo,...

DECALOGO PER CONTRIBUIRE DA SUBITO AD UN AMBIENTE PIU“GREEN”

Cosa possiamo fare noi - da subito - per l’ambiente, in modo da lasciare ai nostri figli un mondo meno inquinato e non destinato...

Ambiente e COP26

Ambiente Parlare di ambiente, ormai, è diventata una moda, speriamo di no! Le tecnologie e i processi innovativi sono di aiuto all'ambiente. Per esempio, anche...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share