LightCare: dal Progetto Shell alla vittoria del Premio Innovazione dell’AIIC

Uno dei risultati significativi del percorso formativo e di ricerca del Progetto Shell è “LightCare”, un progetto di domotica applicata all’healthcare realizzato dagli ingegneri Davide Ursetta, Elisa Falistocco e Sara Falasconi, tre degli studenti del corso di perfezionamento “Tecnico – Ricercatore per la progettazione e lo sviluppo di tecnologie domotiche per gli ambienti di vita”.

LightCare è un sistema di comunicazione wireless che sfrutta una soluzione Li-fi (Light Fidelity), ovvero un sistema a flusso ottico di trasmissione di contenuti web tramite luce. Questo sistema è stato concepito per i bambini ospitati nei reparti di pediatria per cure di media-lunga degenza che possono rendere più piacevole la loro permanenza in ospedale fruendo di contenuti multimediali ludici e educativi tramite questo sistema di comunicazione e appositi tablet. Con questa tecnologia si evitano radiofrequenze e radiazioni che possono comportare rischi per la salute e interferenze con i macchinari ospedalieri. La soluzione fornisce un servizio di comunicazione di contenuti multimediali che utilizza la luce di una lampada a led intelligente e una piattaforma software di gestione degli stessi che attraverso il Li-fi vengono trasmessi ai tablet dedicati.

I piccoli pazienti potranno così superare il proprio disagio psichico passando il tempo a giocare e imparare con contenuti ludici ed educativi e con dispositivi neutri che non vanno ad interferire come invece farebbero altri dispositivi commerciali che sono sorgenti di campo elettromagnetico rischiose e interferenti. La Li-Fi, infatti, sviluppata nel 2011 dal Prof. Harald Hass dell’Università di Edimburgo, è una tecnologia che a differenza del Wi-fi non impiega campi magnetici a radiofrequenza ma solo la luce. Questo sistema sicuramente potrà essere reso scalabile anche in altri contesti, non solo nei reparti di pediatria degli ospedali.

I 3 giovani ricercatori provenienti da diverse Università del centro-sud si sono incontrati proprio durante il Progetto Shell, coordinato dall’Università Politecnica della Marche di Ancona, dove hanno concepito e sviluppato questa idea con il supporto dell’Area Science Park di Trieste.

Con testimoniano i ragazzi, il percorso del Progetto Shell è stata un’ottima occasione di studio e di progettazione: “Certamente sono stati mesi di grande attività e di intenso coinvolgimento, caratterizzati dal continuo confronto, scambio di idee, da inizi, modifiche e talvolta da ripartenze molto sofferte. Solo così, in un ambiente professionale rispettoso delle reciproche capacità, abbiamo potuto impostare, realizzare e definire, migliorandolo sempre più, il progetto LightCare”; “… il progetto Shell ci ha permesso di entrare in contatto con molteplici e rilevanti realtà della ricerca, confrontandoci con esperti dei più diversi ambiti, ad Ancona, Milano e Trieste.

Il progetto LightCare ha destato l’entusiamo di molti addetti ai lavori ed ha vinto il Premio Innovazione Aiic 2017 dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici e organizzato in collaborazione con PMI Cube, al quale hanno concorso oltre sessanta giovani progetti di ambito biomedico.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,516FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share