Pirelli e lo pneumatico intelligente

Pirelli si integra verso la smart city

Il progetto della Pirelli merita di essere menzionato, non solo per quanto riguarda il fattore made in Italy, ma anche perché tocca con mano il futuro dello pneumatico “intelligente” ovvero dotato di sensori integrati direttamente nella struttura in grado di dialogare con la centralina del veicolo.

Il progetto di Pirelli ha trovato come partner la McLaren che metterà a disposizione la supercar “Artura” con in dotazione gli pneumatici P Zero con il sistema Pirelli Cyber Tyre con prime consegne previste per il terzo semestre di quest’anno.

Lo pneumatico come co-protagonista

Questo progetto detta un punto fondamentale in termini di sicurezza e integrazione delle tecnologie con il veicolo, fino ad oggi, lo pneumatico ricopriva un ruolo importante per la sicurezza e per la performance, ma mancava l’evoluzione tecnologica abilitante per avere un ruolo da co-protagonista nel sistema elettronico di assistenza alla guida, ovvero, nell’ Advanced Driver Assistance Systems (ADAS).

Il sistema

Il sistema Pirelli Cyber Tyre è montato di serie sulla “McLaren Artura”. Ogni suo pneumatico è dotato di un sensore che raccoglie informazioni relative a: Temperatura e pressione, indica se il modello è estivo o invernale; indica l’Indice di carico e indice di velocità e la pressione prescritta.

Tutte queste informazioni sono rilevate con più precisione rispetto ai tradizionali rilevatori su valvola (TPMS) poiché i sensori non sono in contatto con i cerchi, ma a direttamente con gli pneumatici

Sarà poi il software a elaborare i dati che potranno essere visualizzate sul cruscotto della vettura, mentre altre verranno visualizzati dai sistemi elettronici che gestiranno gli avvisi di allerta in base al pericolo. La complessità sta nel software che a seconda del tipo di gomme cambierà i parametri di alert per dare indicazioni corrette.

Integrazione con la Smart city

La connessione 5G per una smart city è fondamentale per la comunicazione tra Veicoli, infrastrutture e altri dispositivi di comunicazione.

Gli pneumatici intelligenti hanno la funzione di comunicare i dati di pericolo all’infrastruttura connessa, in modo da integrarsi nella comunicazione V2X,  quindi nel caso del progetto, dovrà essere presente una connessione tra veicoli e infrastrutture tramite il 5G. Nel caso in cui le Cyber Tyre rilevano un segnale di pericolo quale quello di acquaplaning questo verrà trasmesso all’infrastruttura 5G che raccoglierà ed elaborerà questi dati per poi inviare il messaggio al veicolo in prossimità della zona di pericolo.

Questo sistema, montato su veicoli di serie, potrebbe portare un grande vantaggio in termini di sicurezza stradale, connessione tra infrastrutture ed un passo avanti per gli studi sulla guida autonoma.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,509FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share