Hoaxy: si accende la caccia alle Fake news

Filippo Menczer, professore di Informatica e Computer Science all’Università dell’Indiana negli Stati Uniti, e la sua squadra del “Center Complex Networks and Systems Research” hanno sviluppato Hoaxy, un motore di ricerca in grado di tracciare la diffusione delle fake news su Internet.

Hoaxy è stato formulato a marzo 2016, successivamente ad uno studio sulle fake news e la disinformazione online, dal quale è emerso come le notizie false siano opera di utenti molto attivi

L’obiettivo non è stabilire se una notizia è vera o falsa, ma provvedere alla realizzazione di modelli capaci di comprendere i meccanismi virali che sono alla base della diffusione delle notizie stesse, andando ad individuare i profili che le hanno promosse.

Uno studio sulle modalità di propagazione di nomi, contenuti e hashtag su Twitter ha mostrato che, già nel 2010, vi erano account falsi controllati da un  unico software, che indirizzavano a siti di fake news per influenzare l’opinione pubblica, screditando o sostenendo politici.

Un picco di fake news, principalmente sui social network, si è registrato in occasione della campagna presidenziale americana che ha visto la vittoria di Donald Trump. Da un’analisi attenta si è riscontrata una produzione automatica dei contenuti pro Trump, con un rapporto 7-1 rispetto a quelli generati in  favore di Hillary Clinton.

L’invenzione non poteva non destare la curiosità di molti fact-checker, che non hanno esitato ad avanzare richieste agli sviluppatori del motore di ricerca.

Menczer e la sua squadra, non possedendo le risorse necessarie alla realizzazione di versioni in altre lingue, hanno così deciso di rendere il codice disponibile a tutti, in modo tale da favorire lo sviluppo di Hoaxy anche in Europa. 

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

566FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Idrogeno sì

La chiave per ottenere energia rinnovabile al 100% in Europa ha un nome, si chiama idrogeno verde. La Commissione europea ha presentato la “Strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter