Internet Explorer 9, l’evoluzione di Microsoft

Dal 15 marzo è disponibile sul sito di Microsoft la nuova versione del browser Internet Explorer, giunta al numero 9. Un software più leggero e veloce, che tuttavia non potrà essere utilizzato dagli utenti del sistema operativo XP, ormai abbandonato dalla società di Redmond, ma solo con le versioni Windows Vista e 7.

Internet Explorer 9 si caratterizza essenzialmente per velocità, semplicità e sicurezza. La velocità è migliorata grazie a “Chakra”, il nuovo motore JavaScript che può sfruttare in pieno le nuove Cpu multicore, all’accelerazione hardware nella fase di visualizzazione di testi, grafica e video e all’uso della GPU per il rendering delle pagine web (che richiede l’API Direct2D, assente in XP).

L’utilizzo di questa versione del browser Microsoft è molto più semplice rispetto al passato: l’interfaccia è stata svuotata da tutti gli elementi non essenziali, assumendo un aspetto “minimalista” molto apprezzato dagli utenti, che privilegia i contenuti dei siti Web.

Inoltre, è stato eliminato il riquadro relativo al motore di ricerca preferito, inserendo tale funzionalità nella barra degli indirizzi, analogamente a quanto avviene in Chrome, il browser di Google. Si ha ora una barra degli indirizzi, denominata OneBox, più completa, nella quale, in base alle parole utilizzate come chiave di ricerca, si ottengono risultati che provengono anche dalla propria lista dei Preferiti e dalla cronologia dei siti già visitati nelle sessioni precedenti.

Cambia ampiamente anche la gestione delle singole schede di navigazione (le Tab): il primo e il più apprezzato aggiornamento è l’indipendenza tra esse nel caso che una si blocchi per problemi su un sito web in consultazione; ora, tale blocco comporta la chiusura della scheda interessata ma non la chiusura delle altre Tab aperte, evitando perdite di dati.

E’ stata implementata la funzione “pinning”, grazie a cui i siti web possono essere inseriti nella barra delle applicazioni del sistema operativo Windows 7, al fine di avere un accesso rapido e diretto ad essi senza che sia necessario, preventivamente, aprire Explorer.

Sul piano operativo, è sufficiente trascinare all’interno della barra delle applicazioni l’icona che compare a sinistra dell’indirizzo web o della scheda del sito per attivare la funzione. Per i “pinned site” è disponibile la funzione JumpList, mediante cui si attivano ulteriori menu per avere l’accesso rapido a parti specifiche del sito. Ad esempio, relativamente a Facebook si ha un menu che consente di accedere direttamente alla propria posta o alla bacheca, oppure si può cambiare la stazione musicale di una web radio

Altra utile ed innovativa funzione che viene applicata alle singole schede è Aero Snap, che ne consente il trascinamento all’esterno della finestra principale di IE9, in modo che esse possano essere affiancate sullo schermo facilmente.

Una volta “prelevato” il Tab selezionato e trascinato verso un lato dello schermo, la relativa finestra sarà adattata automaticamente all’interfaccia del sistema. Terminata l’operazione, la finestra potrà di nuovo essere trascinata all’interno di IE e trasformata in un Tab.

Infine, l’elemento chiave della sicurezza è garantito con l’integrazione di un insieme di nuovi strumenti che migliorano la protezione dell’utente durante la navigazione.

Uno dei principali è la protezione “anti tracking”, che blocca la possibilità che siano inviate informazioni dell’utente – a sua insaputa – da parte di un insieme di siti Internet selezionati in una black list, la “Tracking Protection List”.

Diventa così più facile per l’utente evitare che il suo comportamento in Rete sia “tracciato”.

Inoltre, è stata implementata la funzione “ActiveX Filtering”, mediante cui viene bloccata l’esecuzione di contenuti ActiveX, qualora il sito web non sia ritenuto sicuro.

Sul piano delle compatibilità, IE9 supporta gli standard Web più recenti, in particolare video HTML5, fogli di stile CSS3, codec H.264, grafica vettoriale SVG, e caratteri Web Open Font Format (WOFF) ed ECMAScript 5; con tali standard gli sviluppatori dispongono di strumenti per realizzare siti sempre più complessi che siano leggibili in modo uniforme con i diversi browser che rispettano gli standard.

Un’ultima novità interessante per gli utenti è la disponibilità di un Download Manager, con cui si può monitorare l’andamento dei download: esso raggruppa in un’unica finestra i vari download in corso mostrandone lo stato di avanzamento e il transfer rate.

Questa funzione era attesa da anni, al punto che molti utenti dovevano fare ricorso a software a parte, che spesso entravano in conflitto con il browser.

Il sistema ora proposto è completo di tutte le funzionalità utili, ed inoltre include anche il noto filtro con protezione anti-malware SmartScreen, con il quale è possibile distinguere le notifiche di pericoli reali e avvisi che possono essere tranquillamente ignorati.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,516FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share