L’inventore del Web Tim Berners-Lee contro Web3

Nel mondo della tecnologia, Web3 è un termine nebuloso usato per descrivere un’ipotetica versione futura di Internet che è più decentralizzata di quanto non sia oggi e non dominata da una manciata di giocatori potenti come Amazon, Microsoft e Google. Essa coinvolge alcune tecnologie, tra cui blockchain, criptovalute e token non fungibili.

Diversa l’opinione di Tim Berners-Lee, lo scienziato informatico britannico accreditato di aver inventato il World Wide Web nel 1989, che intervenendo sul palco dell’evento Web Summit a Lisbona venerdì scorso, ha dichiarato che non vede la blockchain come una soluzione praticabile per costruire la prossima iterazione di Internet. Ecco alcune sue dichiarazioni: ″È importante chiarire per discutere gli impatti delle nuove tecnologie”. “Devi capire cosa significano effettivamente i termini di cui stiamo discutendo, al di là delle parole d’ordine.” “È un vero peccato infatti che il vero nome Web3 sia stato preso dalla gente di Ethereum per le cose che stanno facendo con la blockchain. In effetti, Web3 non è affatto il web”, e il piano  piano dei visionari delle criptovalute per il suo futuro dovrebbe essere “ignorato”.

Esiste, ed è condiviso, il problema della centralizzazione dei dati di tutti gli utenti del web su alcune piattaforme (Meta, Microsoft, Google), che li utilizzano per “bloccarci nelle loro piattaforme”. Un processo che, nelle parole di Berners-Lee da cui “il risultato è stata una grande corsa ai dati in cui il vincitore era l’unica azienda che controllava la maggior parte dei dati e i perdenti erano tutti gli altri”.

Strappare i nostri dati personali dalle grinfie di Big Tech è un’ambizione condivisa da Berners-Lee, che però non è convinto che la blockchain, la tecnologia di registro distribuito che è alla base delle criptovalute come il bitcoin, sarà la soluzione.

“I protocolli Blockchain possono essere utili per alcune cose, ma non in questo caso, perché   “sono troppo lenti, troppo costosi e troppo pubblici. Gli archivi di dati personali devono essere veloci, economici e privati.”

Tim Berners-Lee ha in progetto una startup, Inrupt, che mira a dare agli utenti il ​​controllo dei propri dati, incluso il modo in cui vi si accede e viene archiviato. La sua proposta per rimodellare Internet, indicata come Web 3.0 sarà il futuro di Internet.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,483FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share