Mastodon, l’alternativa a Twitter

Non è noto quale sarà l’evoluzione di Twitter, ma il terremoto che è stato causato dall’ingresso di Elon Musk ha immediatamente risvegliato l’interesse degli utenti per un prodotto concorrente, finora in ombra: Mastodon. Dal 27 ottobre, quando il CEO di SpaceX e Tesla ha formalizzato la sua acquisizione di Twitter, Mastodon ha guadagnato quasi 500.000 nuovi utenti , raddoppiando di fatto la sua base di utenti.

Mastodon è stata fondata nel 2016 dallo sviluppatore di software tedesco Eugen Rochko. A differenza di Twitter, Facebook, Reddit o di qualsiasi altro popolare sito di social media, Mastodon è un’organizzazione senza scopo di lucro, il che significa che, idealmente, il suo obiettivo è quello di avvantaggiare il pubblico, piuttosto che gli azionisti. Il software è open source, quindi disponibile per chiunque, al punto che è stato utilizzato (senza riconoscerne la fonte) per creare Truth Social dell’ex presidente Trump.

Le dichiarazioni del fondatore sono emblematiche di un progetto a basso costo ma con un alto potenziale: “A differenza degli ultimi 5 anni in cui ho gestito le operazioni di Mastodon come ditta individuale, dove il reddito di Mastodon era il mio reddito personale (meno tutte le spese), ora sono un dipendente con uno stipendio fisso […] Il mio reddito personale sarà quindi inferiore, ma ero disposto a seguire questa strada perché voglio che Mastodon abbia più risorse per cose come assumere sviluppatori extra, designer UX, sviluppare app ufficiali e così via, e voglio che ci sia un confine chiaro tra la raccolta di fondi per quella causa e il mio reddito personale”.

Mastodon potrebbe sembrare a prima vista un clone di Twitter, ma il sistema alla base della piattaforma di microblogging è molto più complesso. Il servizio è decentralizzato (no, non in modo blockchain ), descrivendosi come una “rete federata che opera in modo simile alla posta elettronica”.

Quando un soggetto crea il suo account per la prima volta, sceglie un server, similmente a come si  sceglie di aprire un account e-mail su Gmail o simili, che genera l’indirizzo del tuo profilo. Quindi, ad esempio, se ci si iscrive a Mastodon tramite il server di climatejustice, l’indirizzo sarà @[nome utente]@climatejustice.social. Ma indipendentemente dal server con cui ci si iscrive, ai potrà comunicare con gli utenti da qualsiasi altro server, proprio come gli utenti di Gmail inviano e-mail agli utenti di Hotmail e viceversa. Tuttavia, alcuni server potrebbero aver bloccato altri server (forse se si tratta di un gruppo sgradevole), il che significherebbe che non puoi comunicare con nessuno dal server bloccato.

Gli utenti di Mastodon generalmente si riferiscono alle singole comunità come “istanze” o server . Questi server Mastodon possono essere gestiti da individui, gruppi o organizzazioni che hanno ciascuno il proprio insieme di regole su come gli utenti possono registrarsi, così come le proprie politiche di moderazione. Alcuni server consentono a chiunque di partecipare, mentre altri sono solo su invito o richiedono l’approvazione di un amministratore. Ad esempio, un server per scienziati professionisti chiede ai candidati di includere un collegamento alla loro ricerca per dimostrare che sono, in effetti, professionisti.

E’ una logica diversa, è un altro stile di comunicazione. Non si sa se avrà un futuro famoso come Twitter, ma è un’alternativa interessante per chi vuole continuare a discutere dei temi di suo interesse in una comunità di riferimento.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,483FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share