La comunicazione politica di governo

Il 23 di Aprile u.s. alle 19.45 a Palazzo Chigi si è riunita la seduta n. 56 del Consiglio dei Ministri. Durante la riunione vi sono state notizie un po’ strane, quali: Salvini è presente, Di Maio è assente in quanto impegnato in un’intervista televisiva. Nel frattempo, molti giornalisti cercavano di capire le volontà del governo per temi già noti a molti di noi, con indiscrezioni che, purtroppo, il giorno dopo non trovano riscontro, come i sondaggi.
Tra gli argomenti all’ordine del giorno vi era il Decreto Crescita – Misure urgenti per la crescita economica ed interventi in settori industriali in crisi. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, del Ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria e del Ministro dello Sviluppo Economico Luigi di Maio, ha approvato, in seconda deliberazione, un Decreto Legge che introduce misure urgenti per la crescita economica ed interventi nei settori industriali in crisi.
E’ stato sottolineato che il testo è stato integrato con norme che prevedono l’estensione del regime della “decommercializzazione” agli enti associativi assistenziali, rimodulano gli obblighi informativi relativi alle erogazioni pubbliche; disciplinano la possibilità per l’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro – ANPAL di avvalersi dei servizi forniti da società in house; semplificano gli adempimenti per la gestione degli enti del terzo settore, nonché i processi di programmazione, vigilanza e attuazione degli interventi finanziati dal fondo per lo sviluppo e la coesione – FSC; definiscono le modalità di ingresso del Ministro dell’Economia e delle Finanze nel capitale sociale della newco Nuova Alitalia; disciplinano il termine per la rideterminazione dei vitalizi regionali; intervengono sulla gestione commissariale per il piano di rientro del debito pregresso del comune di Roma; prevedono la cessazione della esimente penale per il complesso Ilva; determinano i requisiti per l’accesso al Fondo Indennizzo Risparmiatori.
Come vedete, è un linguaggio poco comprensibile. Probabilmente lo è solo per gli addetti ai lavori. Sarebbe stato più semplice dire che si punta a rifinanziare Alitalia chiamandola Nuova Alitalia. Poi, che è prevista una revisione dei vitalizi dei Consiglieri Regionali. Ancora, un intervento per rimodulare il debito del Comune di Roma, che è alto, consentendo con un provvedimento alla Sindaca Raggi di rivedere almeno i tassi di interesse con le banche. Per l’annoso problema dell’Ilva, in parte aperta e in parte è chiusa, deve essere garantito un progetto che rispetti le norme ambientali. Infine, per tutti i cittadini che hanno perso dei soldi con le banche, i cittadini vengono indennizzati. E’ troppo semplice scrivere in maniera semplice, adoperando soggetto, predicato e complemento.
Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

565FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

L’elettrico

La macchina elettrica e, quindi, la relativa ricarica, stanno creando un popolo di tifosi. Il tifoso del sì, il tifoso neutrale e il tifoso...

Un mondo di plastica

Un mondo di plastica La plastica, i rifiuti e ogni tipo di detriti hanno inquinato le nostre acque per anni. Se da un lato la...

Coronavirus: la plastica, il virus ecologico dell’epidemia.

Il virus ecologico dell'epidemia Il virus ecologico dell'epidemia, ovvero la plastica, è cresciuto in modo esponenziale dall'inizio della pandemia. Ciò ha suscitato preoccupazione in un...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share