Piano Cingolani: il risparmio energetico spiegato in termini semplici

La probabile chiusura del trasferimento di gas dalla Russia come conseguenza delle sanzioni occidentali, ha reso necessario un piano di revisione dei consumi in modo da poter evitare blocchi sia alle attività produttive sia alla erogazione di energia ai cittadini.

In questi mesi il governo Draghi ha provveduto a diversificare le forniture, ad anticipare il riempimento dei depositi di riserva, ma rimane comunque necessario il contributo di tutti affinché i consumi di gas possono scendere di almeno 3 miliardi di metri cubi.

Il piano presentato dal ministro Cingolani fronteggia l’emergenza gas come misure condivisibili e che non costituiscono un disagio estremo per i cittadini: ritardare l’accensione dei riscaldamenti privati di alcune settimane, ridurre di un grado i termostati, fare attenzione nell’uso comune di apparecchi elettrici a consumi nascosti quali la fase di stand-by.

Ci si ricorda la crisi petrolifera del 1973, quando i programmi televisivi della RAI – unica emittente dell’epoca – terminavano un’ora prima, quando la domenica non si poteva circolare con l’auto, mentre la raccomandazione a ridurre i consumi di elettricità, dagli elettrodomestici alle lampadine era di uso quotidiano nelle singole famiglie.

Oggi, ai critici che ironizzano sulle misure di risparmio proposte dal Ministro, vogliamo ricordare che la difesa dell’ambiente, il problema del climate change, e l’emergenza delle riscaldamento globale richiedono una revisione dei consumi di energia ben più profonda di quella proposta nel piano austerity del governo. Tuttavia, mentre si è disposti ad applaudire la rockstar che inneggia alla difesa della foresta amazzonica, ben diversa è la risposta comune quando viene richiesto di agire personalmente per il cambiamento, anche se ciò significa solo indossare un maglione più pesante nella propria abitazione.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share