Il Recovery Plan

Il Recovery Plan

Il Recovery Plan è entrato nelle case dei cittadini in maniera presente, ma con diversi dubbi. La comunicazione erogata ha confuso molto la percezione del messaggio. Il nostro Governo ha il compito di elaborare un piano casa che è stato prodotto, ma con esito negativo.

La bozza

La bozza del Recovery Plan contiene troppi interventi rubricati come aggiuntivi rispetto al deficit previsto nei piani di finanza pubblica. Infatti, essa contempla misure per 223.9 miliardi, ma la quota finanziata dalla facility comunitaria si ferma a 209,5 miliardi. Le informazioni contenute nel documento non consentono di verificare se si prevede che il profilo dell’indebitamento netto associato all’utilizzo dell’FSC, per la componente anticipata nell’ambito del PNRR, resti invariato rispetto alle previsioni tendenziali. Sembra che il fondo di sviluppo e coesione inserito nel PNRR non è aggiuntivo rispetto ai tendenziali. Gli interventi praticamente aggiuntivi rispetto ai tendenziali di finanza pubblica nel contesto della facility restano quelli finanziati con 65.9 miliardi di sussidi e con una quota da 40.7 miliardi di prestiti. I restanti 86,9 miliardi di bonus sarebbero impiegati in sostituzione delle risorse italiane per finanziare misure già inserite nei programmi nazionali.

Il PIL

Altro aspetto deriva dal PIL. Rispetto alle prime versioni dal 2.3% al 3% del PIL a regione dal 2026, non deriva da un aumento delle risorse destinate ai nuovi progetti, ma da un ridisegno che ha concentrato le risorse sugli investimenti pubblici a cui modelli macroeconomici attribuiscono un moltiplicatore maggiore. Il piano del nostro pease gira attorno all’argomento senza dare una risposta puntuale, tenendo anche presente la promozione della concorrenza con la trasmissione digitale, con gli incentivi 4.0 (vedi il nostro www.dihv.it), con la cybersecurity, con la banda larga ecc.

Titolo giusto, svolgimento errato

I tecnici di Palazzo Madama ribadiscono quanto espresso dalla Commissione Bilancio della Camera nella sua relazione sulle linee guida del Recovery Plan. La commissione si era soffermata nell’insoddisfacente dinamica della produttività italiana, penalizzata anche dalle barriere nell’accesso ai mercati. I deputati avevano tenuto presente le indicazioni della UE nell’affrontare le restrizioni, per il settore commercio al dettaglio, dei servizi all’impresa. In sostanza, ci sono degli impegni che il governo dovrebbe indicare, ma si limita a fare un tema con il titolo giusto, ma lo svolgimento è fuori tema.

Articolo precedenteTessere la tela
Prossimo articoloGoogle: suggerimenti affidabilità
Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,509FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share