Smart Contract

La SI-IES, come ben sanno i lettori di Sentieri Digitali, ha un’attenzione particolare su temi legati alla tecnologia e all’intelligenza artificiale. Essi sono stati sono oggetto di studio e approfondimenti, bisogna però riconoscere che la teoria non basta, e che per crescere bisogna avere la fortuna di trovare gente preparata e competente. Ecco un caso: Guido Alpa, un giurista e avvocato che non ha bisogno di presentazioni che ha affrontato il tema degli smart contract e dell’intelligenza artificiale.

Nell’ordinamento italiano il legislatore ha affrontato come gestire i contratti facendo ricorso alla tecnologia dell’intelligenza artificiale, nello specifico viene riportato nella Legge 12/2019 – Smart Contract e tecnologie basate su registri distribuiti. La legge introduce per la prima volta nel nostro ordinamento le definizioni di smart contract e di tecnologie basate su registri distribuiti, attribuendo ai primi (se operanti sulle seconde) il valore di forma scritta, previo rispetto di determinate caratteristiche. Si definisce smart contract un programma per elaboratore che opera su tecnologie basate su registri distribuiti la cui esecuzione vincola automaticamente due o più parti sulla base di effetti predefiniti delle stesse come riportato all’art. 8 ter del decreto-legge 14.12.2018, n. 135 (Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione. (G.U. 14.12.2018, n. 290). Il collegamento di questo programma a registri condivisi è tale da conseguire la registrazione, la convalida, l’aggiornamento e l’archiviazione dei dati sia in chiaro che ulteriormente protetto da crittografia, non alterabile e non modificabili in riferimento alla tecnologia blockchain.

Entrando ancora nel merito si evince che la definizione è funzionale allo scopo dell’intento, che consiste nell’assegnare valenza giuridica agli smart contract la cui forma costituita dal linguaggio algoritmico si considera come scritta. Le operazioni economiche e la loro forma giuridica hanno bisogno di certezze: trattandosi di tecniche di negoziazione, redazioni ed esecuzione di contratti esse sono affidate alla autonomia dei privati, ed avrebbero avuto egualmente rilevanza giuridica senza necessità di una definizione giuridica anche se il testo normativo ha una funzione legittimamente esaustiva. Gli smart contract, come dice Guido Alpa, sono come una procedura simile a quella di un distributore automatico anche se i distributori automatici attivano contratti istantanei come nella vendita mentre a privilegiare i contratti che hanno una certa durata, quali regole si applicano questi contratti che non sono tipici perché possono rivestire operazioni economiche? Essi non riconoscono le parti, se non si è fatto riferimento all’impiego di codici di riconoscimento e non definiscono il contenuto dell’accordo, perché l’accordo che le parti concludono per potere utilizzare la tecnologia a stabilire se lo smart contract si applicherà alle assicurazioni, i prodotti finanziari, alla somministrazione di energia eccetera.

Articolo precedenteLa Comunicazione
Prossimo articoloIl razzismo a corrente alternata
Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,509FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share