Google l’accordo per la sanità

Il recente passaggio alla registrazione digitale delle cartelle cliniche e di altre informazioni sanitarie ha creato una mole di dati notevole tale che in questo nuovo mercato si stanno concentrando grandi protagonisti tech e start up specializzate. Tra questi espande la sua presenza nel mondo sanitario Google che ha concluso l’accordo con un catena di strutture ospedaliere americana, la HCA Healthcare, in tale accordo si svilupperanno algoritmi sanitari, usando i dati dei pazienti dei dispositivi medici, che aiutino a migliorare l’operatività nelle strutture ispedaliere, nel monitoraggio dei pazienti e nel supporto alle decisioni. Inoltre, i dati di ogni paziente potranno essere estrapolati in tempo reale. Lo scopo è quello di fornire avvisi, basati sugli algoritmi, su quando le condizioni di un paziente peggiorino.

 

Critiche sulla privacy

Ma sono state immediate le polemiche sulla tutela della privacy dei dati sanitari. Infatti, la HCA raccoglie dati sanitari con una mole di 32 milioni di visite ogni anno con più di 2000 siti in 20 stati. La legge consente agli ospedali e ad alcune altre società sanitarie, come gli assicuratori sanitari, di condividere le informazioni con società terze. Devono però rispettare una stringente normativa sulla tutela della privacy. Secondo alcuni esperti andrebbe aggiornata la protezione della privacy e sui requisiti di consenso informato. Inoltre, il Chief Medical Officer di HCA ha dichiarato che i dati vengono scorporati da ogni paziente in tempo reale. Successivamente verranno forniti i dati a Google.

 

Google e gli accordi

Google non è il primo accordo che fa in campo sanitario. Infatti, ha raggiunto accordi con Mayo Clinic in cui combina l’archiviazione di grandi quantità di dati medici. Altro accordo con Ascension, uno dei principali attori in campo sanitario e l’università di Chicago Medical Center, tra l’altro con una causa vinta in favore di Google.

 

In Europa, Google, è entrata sotto la lente del regolatore con il caso FitBit e sono passati mesi di controllo della concorrenza prima di avere l’autorizzazione a operare.

 

Articolo precedenteSuperbonus novità
Prossimo articoloLa trasformazione digitale

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share