Mario Draghi

L’ex presidente della BCE Mario Draghi è intervenuto al meeting di Rimini il 18 agosto 2020. Nel suo intervento sugli effetti della crisi giudica “urgente” un investimento di intelligenza e risorse finanziarie sull’istruzione e sui giovani. L’obiettivo di Draghi è anche quello di non sacrificare “i loro redditi futuri”. La crisi scaturita dal Covid-19 e la politica economica non dovrebbero aggiungere incertezza a quella già causata dalla pandemia. I cittadini hanno necessità di credere in un progetto “Paese”, in una strategia sfidante. In periodo feriale non si parla di magistrati o di Lega e del ruolo dei commercialisti della Lega. Speriamo non per la Lega ma per il nostro paese che durante il mese di settembre non vengano ripresi processi politici a carico di questo o quel partito.
 
Si parla quotidianamente del coronavirus e di come influirà la gestione della crisi sanitaria sulle prossime elezioni americane. Si parla molto del candidato democratico Joe Biden ma la sua strategia politica è quella di restare in silenzio e far parlare di lui o della sua candidata vicepresidente, Kamala Harris. Se ne parla molto come persona preparata ma nello stesso tempo vengono evidenziate le sue origini. Basta dire che è una donna capace ed intelligente senza sottolineare il colore della pelle, rischiando di essere razzisti. Tuttavia, se è quasi certa la non rielezione di Trump perché disturbare due ex presidenti Barack Obama, con sua moglie Michelle, e Bill Clinton. Vi sono perplessità tra la tattica politica e la politica reale. In America la Convention è stata virtuale e senza pubblico. L’ex first lady Michelle Obama ha chiuso la sua prima giornata della kermesse democratica con un appassionato discorso durato circa diciotto minuti. Parlare senza la reazione diretta del pubblico è semplice ma non certamente interattiva ed efficace. È simile allo smart working. Ma la domanda è dove ci porteranno queste elezioni e se il nostro paese ha una strategia politica ed economica con gli USA. Poniamo il caso che Trump perda le elezioni, cosa riuscirebbe a fare Biden? C’è una intesa? Precedentemente si parlava del Presidente e questo bastava, senza specificare se fosse democratico o repubblicano. Gonfiare ogni atteggiamento, buono o cattivo che sia, non può essere motivo di dibattito per arrivare a fare una polemica che risulterebbe assolutamente poco costruttiva sfavorevole per l’Italia.
 
I problemi sono tanti e sembra che il momento peggiore debba ancora arrivare. È ora di essere seri e responsabili. Oltre ai politici adesso vincono anche i giornalisti che sono schierati, perdendo così di credibilità.
Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

566FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Protagonisti della scena green

Le Nazioni Unite e l’Agenda 2030 hanno chiesto che si aumenti il riciclo e il reimpiego di acqua riducendo così l’inquinamento e il rilascio...

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter