Periferie digitali

Si chiama “Pari” il progetto che vede coinvolti circa 1200 studenti delle scuole elementari di alcuni quartieri difficili di Milano, in collaborazione con l’amministrazione e altre diverse associazioni. La sfida è quella di portare dinamicità e ricchezza di risorse anche nelle zone più marginali delle città. Si viaggia a ritmi molto veloci e l’innovazione non aspetta ma muta continuamente con i suoi strumenti, le sue idee e le sue genialità. Il progetto nasce con l’obiettivo di fare in modo che non ci siano più quartieri dinamici e quartieri meno dinamici e che a tutti possa essere garantito il futuro cosmopolita che ognuno di noi merita di vivere.

Purtroppo, i numeri rilevano che circa il 24,4% dei cittadini europei rischia di subire un processo di marginalizzazione e riguarda per lo più la fascia compresa tra i 18 e i 24 anni. Bisogna ripartire insieme: le zone più dinamiche dovrebbero coordinarsi e dare una spinta alle periferie per creare un effetto di “riassorbimento” e inclusione sociale, estremamente importante specialmente in età adolescenziale. Così sono nati progetti che utilizzano la tecnologia e le piattaforme digitali che si potranno utilizzare in appositi laboratori che diventeranno luoghi di aggregazione, socialità, crescita e confronto attraverso i settori della robotica, dell’educazione ambientale, dell’economia circolare (cosa è e come si applica), l’importanza della valorizzazione del territorio e una sensibilizzazione verso i cambiamenti climatici.

È la pura formazione e chiaramente i ragazzi saranno affiancati da insegnanti, a volte anche genitori, che consente di prendere parte al futuro da protagonisti veri e non spettatori passivi. Tutti devono poter essere in grado di far parte di un mondo cosmopolita. Un altro esempio di progetto finalizzato alla promozione delle zone più complesse è “Memex”, una App sviluppata dall’Istituto Italiano di Tecnologia che a Genova vuole fare in modo che ci sia l’autopromozione del territorio. Con questa applicazione, finanziata dall’Unione Europea con 4 milioni di euro, ognuno dai propri Smartphone potrà rilanciare il patrimonio artistico e culturale più sconosciuto di Genova, e quindi valorizzare quelle aree che troppo spesso vengono dimenticate ma che hanno un grande potenziale, a partire dalle persone che ci vivono. Creare influenze positive sempre e alla fine le storie più affascinanti emergono proprio da queste zone.

Articolo precedenteCure per lo spazio
Prossimo articoloLa strategia Tim

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,516FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share