Intelligenza artificiale e robot

L’università di Napoli Federico II in collaborazione con Prisca Labs e Totano automazioni (produttore italiano di macchine per catene di assemblaggio alimentare)  hanno creato il robot barista BRILLO: prepara caffè e cocktail, parla con i clienti e ricorda le loro preferenze. E’ il risultato di due anni di addestramento per realizzare un complesso algoritmo di intelligenza artificiale, che consente al robot di andare oltre le operazioni meccaniche e ripetitive quali la preparazione di un caffè o il mix di un drink, riuscendo ad interagire con le persone.

Il robot – bartender inizia la conversazione per mettere a suo agio il cliente, introducendo argomenti di interesse generale, quali il meteo, lo sport o la politica; sarà poi l’evolversi del dialogo – e la mimica facciale dell’ospite –  a determinare il seguito dell’incontro. L’algoritmo contiene elementi di apprendimento, che consentono al robot di capire quali sono i temi che interessano l’interlocutore, ponendo domande ed esponendo osservazioni pertinenti, anche in base a dettagli condivisi nel corso di precedenti incontri: perché il robot è in grado di riconoscere il cliente, anche per quanto concerne i suoi gusti (bevande preferite, dettagli di preparazione).

A prima vista, può sembrare che la realizzazione di Brillo sia stato tempo sprecato: invece è la sperimentazione di una serie di funzionalità molto importanti in settori realmente utili: si pensi, ad esempio, ad un robot che si prende cura di un anziano, oppure che interagisce con i pazienti di un ospedale, oppure che si prende cura di un bambino o di un disabile.

Altri settori di applicazione sono i luoghi in cui il lavoro di una persona può risultare faticoso o scomodo, oppure pericoloso. Ricordo, alla fine degli anni Ottanta, le parole di uno dei pionieri dell’informatica italiana – all’epoca docente LUISS –   il professor Alfonso Caracciolo di Forino, che ipotizzava la realizzazione di una sentinella robotica nelle caserme, in modo che i giovani  militari non dovessero temere il freddo, la pioggia o il sole cocente, in quanto una macchina avrebbe sostituito la loro presenza. Da allor l’informatica ha avuto un forte sviluppo e l’intelligenza artificiale sta raggiungendo una nuova maturità che consente la progettazione di apparati che cambiano l’approccio di lavoro in molti settori.

SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,486FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share