L’impatto del 5G sul sistema bancario

Il Covid-19 ha innescato un boom nel digital banking, a causa delle misure di distanziamento sociale e delle restrizioni che sono ben note a tutti, portando un numero sempre più in crescita di persone ad aprire conti di deposito per salvare i propri risparmi attraverso i dispositivi mobili al fine di mettere da parte soldi extra per un futuro che appare pressoché incerto. Quello che è certo, invece, è l’impatto che la quinta generazione della tecnologia globale senza fili, meglio conosciuta come 5G, avrà nella transizione verso un’economia digitale, accelerando il fenomeno della digital banking in tal senso. Su questo punto, è bene ricordare che il 5G è stato persino definito come l’alterazione fisicamente più dirompente dell’infrastruttura di comunicazione dopo il telegrafo. Per molti, si stratta di un concetto ancora limitato, confuso, e soprattutto controverso. Voci complottistiche hanno addirittura etichettato il 5G come causa scatenante della pandemia. Ora, mettendo da parte questi pensieri totalmente privi di fondamento, è opportuno precisare che il 5G è stato progettato e standardizzato per fornire comunicazioni non soltanto tra le persone, come fa il 4G, ma anche per collegare molte macchine in rete, consentendo modelli wireless business-to-business. Il prossimo anno porterà ancora più opportunità di crescita per le banche digitali e una notevole trasformazione per i servizi finanziari, ma, questa volta, il catalizzatore della crescita non sarà la pandemia, bensì il lancio del 5G.

Il digital banking è indissolubilmente legato ai telefoni cellulari e, quando si tratta di denaro e portafogli mobili, il più grande cambiamento nell’offerta di servizi verrà dalla prossima generazione di comunicazioni mobili. A tal proposito, mi sembra opportuno ricordare alcuni vantaggi concreti derivanti dal 5G. In primis, esso semplifica l’accesso delle aziende alla tecnologia cloud e permette uno sviluppo più rapido dei servizi aziendali e consumer. La rete consente una maggiore densità di banda larga mobile e un consumo inferiore della batteria e può elaborare elevati volumi di dati con un ritardo minimo. Con più dati, l’innovazione accelerare il processo di trasformazione digitale, offrendo una più vasta gamma di prodotti ai clienti. In tal senso, le banche e le cooperative di credito devono essere in grado di sviluppare le loro strategie 5G allo scopo di competere con i rivali fintech, altrimenti rischiano di restare indietro nella transizione verso l’economia digitale che appare inevitabile ai giorni nostri.

Il 5G può ridurre i tempi di latenza a meno di un millisecondo, il che fornirà una vera esperienza di mobile banking in tempo reale. Nuovi casi d’uso di mobile banking entusiasmanti e creativi, come la possibilità di scansionare l’immagine di un articolo in un catalogo o su un sito Web per l’acquisto istantaneo, non sono più solo idee interessanti, ma servizi imminenti.

I pagamenti più veloci e semplici renderanno i pagamenti mobili e digitali ancora più attraenti sia per le masse che per i commercianti, aumentando ulteriormente l’utilizzo. È anche probabile che molte operazioni bancarie standard si estenderanno a nuovi canali come dispositivi Internet of Things (IoT) e dispositivi di realtà virtuale (VR) man mano che questi diventano più comuni e più sofisticati.

La consapevolezza del 5G è alta. I consumatori sono già abbastanza informati su ciò che può offrire, come il servizio iper-personalizzato e istantaneo per gli utenti. Le banche devono assicurarsi di avere fiducia nella loro capacità di sfruttare le nuove tecnologie, devono stare al passo con le aspettative dei consumatori per garantire che i clienti non siano tentati da un rivale più accreditata e avanzata in tal senso. Con la connettività 5G, è probabile che i consumatori si aspettino che le banche risolvano istantaneamente i problemi su tutti i canali. L’intelligenza artificiale (AI) e la realtà virtuale diventeranno probabilmente punti di interesse per l’offerta dei clienti, quindi le banche devono decidere ora come sfruttare le capacità automatizzate pur offrendo un tocco umano personalizzato per i clienti chiave. Un ulteriore beneficio derivante dall’utilizzo del 5G riguarda la prevenzione proattiva delle frodi. Infatti, Attività come l’elaborazione dei dati in tempo reale, l’autenticazione dell’importo della transazione e la geolocalizzazione dei clienti riducono significativamente tutti gli errori di rilevamento delle frodi e i falsi positivi.

Presi in considerazione gli innumerevoli benefici del 5G, ci si chiede come le banche potrebbero sfruttare a proprio vantaggio le caratteristiche di tale tecnologia globale senza fili. Riprendendo il discorso iniziale, noi della SI-IES riteniamo che il processo di digital banking rappresenti un’opportunità cruciale per migliorare l’economia e agevolare il funzionamento del sistema bancario. In linea con questo pensiero, le applicazioni con realtà aumentata hanno un ruolo chiave nel percorso di digitalizzazione delle banche che devono necessariamente adattarsi all’innovazione. La bassa latenza del 5G e le velocità di trasmissione dati più elevate consentiranno alle banche di mettere in rete le attività di elaborazione intensive, mantenendo le prestazioni accettabili, senza video discontinui. Le applicazioni odierne possono essere riprogettate per conservare meno dati sul telefono, semplificando l’architettura dell’applicazione per renderla più leggera e più reattiva, con conseguente minor numero di versioni da supportare, meno aggiornamenti e modifiche istantanee per tutti gli utenti. È indispensabile per le banche lavorare su app con realtà aumentata che facilitino le operazioni bancarie attraverso interfacce immersive o comunque capaci di rendere più semplice e accessibile l’esperienza con i propri clienti. L’implementazione di tali applicazioni potrà richiedere il supporto di nuove figure professionali legate al mondo della Cybersecurity e Intelligenza Artificiale. Ciò però potrebbe non bastare, perché risulta fondamentale l’attivazione di hub di innovazione dediti alla sperimentazione e promuovere soluzioni nuove ed efficienti.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share