Il razzismo a corrente alternata

Quando si è in particolare difficoltà un paese mette in luce tutte le negatività.

Molti giovani sono senza lavoro, molte famiglie non hanno un reddito, molte aziende hanno chiuso e continuano a chiudere. D’innanzi a temi così preoccupanti viene fuori il razzismo. Il nostro paese fondamentalmente è edito al lavoro, allo studio, alla ricerca ed è molto laborioso. Siamo conosciuti nel mondo certamente non per il razzismo, ma per le bellezze storiche culturali e scientifiche.

In momenti di crisi, si sostiene, che si è ancora più creativi in quanto emergono dei bisogni. Una minoranza è definita buonista, non a caso, in tutti i talk show secondo l’orientamento politico hanno giustificato per anni e continuano a giustificare atti delinquenziali chiamandoli possibilmente con nomi diversi. Sarebbe opportuno adoperare i mezzi di comunicazione di massa come strumento di formazione, informazione e se possibile anche un po’ di cultura, invece, a seconda di dove è collocato politicamente eroga notizie stupide, superate, e note.  Draghi perché è apprezzato? Perché comunica in maniera diversa, concreta, sincera ed anche affidabile. Ciò vuol dire che tutto va bene? Certamente no, ma quel poco che si riesce a dare o fare è detto in maniera corretta. In questo momento stiamo vivendo 2-3 casi molto delicati che riguardano giovani che non sono più in questa terra…

Come al solito, molti parlano della religione mussulmana in maniera semplicistica, e accettabile. Taluni altri, sottolineano le grosse differenze. Mentre per taluni il razzismo vuol dire paura, ma come fare per evitare la paura? Semplice bisogna dare dignità a tutti gli uomini che sono in particolare sul nostro territorio. Dare dignità vuol dire lavoro, migliorare la propria qualità della vita ed integrazione. Se ciò non è possibile bisogna copiare come fanno dei paesi europei o del mondo, come fanno anche gli americani.

Anche gli esperti sondaggisti parlano di razzismo secondo la propria angolatura, mettendo in luce le negatività che riguardano pochissimi migliaia di persone che nel contesto di 60 milioni di abitanti non fanno testo.

Cosa serve? Serve un maggior impegno del Governo, nei limiti del possibile, di dare ulteriori segnali di rinnovamento. Possibilmente non con un disegno di legge o con una legge poco chiara inapplicabile ed in alcuni casi in attesa della pronuncia della Corte costituzionale per dichiararla dopo due anni incostituzionale.

Fare delle leggi apparente sane e buone, ma privi di copertura finanziaria e applicabile in tempi stretti significa ancora una volta fare un cattivo servizio al paese.

L’innovazione tecnologia ed in particolare il digitale non hanno nulla con il razzismo, ma sono delle buone tecnologie che vanno usate bene e aiuta alla crescita di un Paese. Pertanto, i ministri competenti devono cercare di lavorare con serietà ed abnegazione con un obiettivo unico: la crescita del paese nel suo complesso questo vuol dire cambiamento e innovazione.

 

Articolo precedenteSmart Contract
Prossimo articoloIl Rotary e il nostro Paese
Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,509FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share