L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario.

Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir poco è un colabrodo. La perdita di acqua è causata dalla vetustà dei tubi di trasporto che non hanno né manutenzione, ne sostituzione ed ancora un mancato programma a livello politico nazionale del nostro paese.

Si parla dei soldi, del PNRR, per diverse iniziative per circa 200 miliardi di euro. Probabilmente poteva essere anche una buona occasione non per dedicare una percentuale di questi soldi che tra l’altro dobbiamo restituire al settore, ma pensare a settori vitali qual è l’acqua.

Causa della siccità abbiamo visto in questi giorni divieti di non poter prendere l’acqua dal mare e annaffiare o mischiare con un laghetto di acqua dolche che diventa salmastra.

Si penda alla distruzione dell’agricoltura in sostanza davanti a situazioni non previste emergono le carenze del nostro paese di una programmazione seria e pronti ad accusare tizio o caio.

L’opposizione politica che non c’è fino a qualche tempo fa in parte presente anche se convivenza con la maggioranza da sempre esordiscono alzando il dito indice “noi l’avevamo detto e quindi il problema è risolto”.

Continuare in questo modo significa distruggere un paese, fare una politica seria nel rivedere le condotte dell’acqua nei dorsali si trasporto vuol dire evitare sprechi, evitare nuove iniziative che richiedono tempi e danari.

Per molti anni abbiamo avuto il cosiddetto partito politico del no per tutte le iniziative compreso anche il nucleare ed il carbone.

Questi signori pentiti oggi sono per il nucleare e per il carbone ed intanto abbiamo sprecato miliardi senza fare nulla o meglio facciamo sempre gli interessi altrui in questo caso chiedendo l’energia nucleare alla Franci. Al di la del confine e c’è il pericolo, al di qua del confine non c’è più.

Al dire poco è una posizione di poca responsabilità.

Adesso si corre mettendo le navi in mezzo al mare e anche qui purchessia fatto non nella mia zona.

Necessita si ma dev’essere fatto altrove.

E’ un po’ come la storia degli inceneritori che è uno scempio per aree metropolitane come Roma che oltre la puzza, il decoro, la vergogna, siamo invai di mondezza, topi e cinghiali.

Il problema non esiste in quanto domani è un altro giorno.

 

Articolo precedenteLe telefonate dei call center
Prossimo articoloLa rete
SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,498FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share