La Coppa del Mondo FIFA sarà a emissioni zero

Il Qatar ha annunciato che la Coppa del Mondo FIFA 2022, che prenderà il via il 20 novembre, sarà a emissioni zero . Per quanto impressionante possa essere, resta lo scetticismo dovuto alla forte dipendenza del Paese dai combustibili fossili e alla mancanza di strutture adeguate prima dell’evento.

La strategia del Qatar si basa sulla riduzione al minimo delle sue emissioni nel miglior modo possibile, il che ha molti limiti a causa della necessità di costruire stadi da zero e farli funzionare con la folla nel deserto. Quindi, compenseranno eventuali emissioni rimanenti utilizzando crediti di carbonio.

Un  rapporto  pubblicato all’inizio di quest’anno dal Carbon Market Watch (CMW), ente senza scopo di lucro, ha espresso dubbi sull’affermazione e le intenzioni degli organizzatori di rendere la Coppa del mondo a emissioni zero potrebbero essere oggetto di dibattito.

A causa delle ridotte dimensioni del Qatar, dovranno investire molto tempo e denaro in nuovi stadi e alloggi. Inoltre, ciò significa anche che dipendono dalle importazioni, il che può rendere la costruzione più onerosa per l’ambiente. Dall’estero, infatti, sono stati importati anche i semi di prato per superfici di gioco. Inoltre, a causa del clima del paese, la manutenzione di un campo da calcio una volta seminati quei semi richiederà 10.000 litri di acqua al giorno. Ed è evidente che l’acqua non arriva facilmente nel deserto.

Inoltre,  il rapporto ufficiale sulle emissioni di gas serra della FIFA  afferma che il torneo produrrà circa 3,6 milioni di tonnellate di anidride carbonica, ovvero 1,5 milioni di tonnellate in più rispetto alla precedente edizione del 2018 che si è svolta in Russia.

Il Qatar ha costruito otto stadi all’aperto, di cui sette sono stati costruiti ex novo, mentre l’altro è stato ristrutturato. La maggior parte di essi è stata realizzata utilizzando materiali riutilizzati e riciclati e sono stati certificati per il loro design sostenibile.

In effetti, lo stadio utilizza i container di spedizione come elementi costitutivi che consentono di decostruirlo completamente e rimontarlo in un altro luogo dopo il torneo.

Inoltre, lo stadio  utilizza un nuovo sistema di raffreddamento per gestire il clima del paese. Funziona formando uno strato di aria fredda all’interno di ogni stadio e lo ricicla invece di prendere aria calda dall’esterno e raffreddarla. Ci sono griglie che fanno entrare quest’aria, la filtrano e la incanalano attraverso tubi pieni di acqua refrigerata per raffreddarla. Quindi, prende di mira i giocatori tramite ugelli a bordo campo e gli spettatori attraverso i diffusori sotto i sedili.

L’intero sistema è alimentato da una fattoria solare e si stima che utilizzi il 40% in meno di energia rispetto ad altri sistemi di raffreddamento oggi sul mercato.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,483FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share