I problemi di TIM

Gubitosi e parte dei suoi dirigenti sono usciti da TIM: a breve, certamente ne usciranno altri nominati dall’esterno dall’ex amministratore delegato. Il nuovo ad Pietro Labriola conosce bene la società, avendo avuto un passato in TIM Brasile, ma avrà il difficile compito di risanare una società che non naviga in buone acque.

La situazione

A Gubitosi sono stati accordati 6,9 milioni di buonuscita al 3 gennaio 2022, ma la società è esposta con un debito che pesa quasi quanto una finanziaria di circa 22 miliardi. Adesso è stata proposta una terza profit warning in sei mesi e l’EBITDA organico è sceso dell’11% a fronte del -5% di Marco Patuano e del +5% di Flavio Cattaneo. È bene ricordare che il socio Vivendi è presente con il 23,9% ed è contrario allo scorporo della rete per saldare un’alleanza con Cassa Depositi e Prestiti e accreditarsi nel rilancio della ServiceCo, la società commerciale residua post separazione dell’infrastruttura.

Tutte le operazioni dovranno tenere presente almeno due punti chiave correlati tra loro ovverosia il debito e lo scorporo della rete che rimangono fumosi nei piani di KKR. TIM chiede chiarezza sulle modalità dello sdoppiamento fra ServiceCo e NetCo, la società della rete. Su 43 mila dipendenti (da 120 mila) del gruppo, secondo alcune stime che circolano all’interno dei consiglieri, in ServiceCo potrebbero restare 12 mila dipendenze, con 9 miliardi di debiti lordi, mentre 31 mila dipendenti passerebbero nella società della rete dove confluirebbero anche Sparkle, i top client e Tesla consulting, piccola società di cybersicurezza, altre società di cybersicurezza e all’incirca 25 miliardi di euro di passività. La società della rete sarà gestita da Cassa Depositi e Prestiti – ma è doveroso ricordare che CdP non è l’IRI – che è azionista con il 9,8% di TIM e con il 60% di Open Fiber.

Le possibili aree di intervento

Al momento della mia uscita da TIM avevo il coordinamento di cinque aree (fra cui ambiente e coordinamento); a mio avviso è necessario diffondere il concetto di gestione della qualità. Le azioni correttive che suggerisco sono: ricercare le cause delle lamentele della clientela, per favorire un customer care migliore e attento alle esigenze del consumatore; maggior attenzione ai processi e alle relative procedure; analizzare i prodotti/servizi dell’impresa per ricercare le possibili fonti di errore e applicare dei sistemi preventivi in modo tale da non danneggiare la società; nuovi metodi di gestione e controllo, con un adeguamento delle procedure ai nuovi standard di qualità per favorire lo sviluppo delle best practises. Le azioni necessarie devono risultare chiare e riferirsi non solo agli errori passati, ma cercare di prevenire i rischi futuri nell’ottica di un efficientamento quanto mai opportuno.

Articolo precedenteLa creatività
Prossimo articoloIl dato e il turismo
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share