Emozione e Irritazione

La pandemia purtroppo sta diventando uno sport di quartiere e quindi squadre dilettanti ed anche allo sbaraglio. La pandemia non ha colore politico ma ha un ruolo importante anche se neutro. Mettere dei virologi a confronto significa creare inevitabilmente uno scontro dunque sarebbe meglio, e opportuno, far parlare una persona competente, qualificata e scientificamente all’altezza della situazione. Quando si ha bisogno di un cardiologo per problemi seri non si fa una battaglia sul piano dello scontro nella fase della scelta, ma bensì si legge il CV, il passaparola e il ruolo che occupa.

Il green pass è diventato una favola. Nessuno ha pensato che tutti coloro che sono stati sottoposti a vaccino hanno un documento rilasciato dalla regione. Non è forse sufficiente per muoversi? Perché creare burocrazia e sovrastrutture? Perché non parlare sul piano della fiducia? A giovani, meno giovani ed anziani, se opportuno sottoporsi a vaccino, è sufficiente dare un’indicazione, investendo anche le famiglie che, una volta convinte, parlano con i propri figli. Da un anno e mezzo, i mezzi di comunicazioni sono stati monopolizzati da persone che, nella vita, nulla hanno avuto a che fare con le malattie infettive a partire dai direttori sanitari che al massimo possono dare comunicazione di quanti ricoveri ci sono nella propria struttura e non scimmiottare, facendo finta di essere competenti, ed essere chiamati, nel contempo, scienziati, che è un appellativo recepito immediatamente dall’interlocutore che nel dare risposta ribadisce “Noi scienziati”.

Altro punto debole riguarda la stampa, che ormai parla secondo schieramenti precisi creando anche due categorie: quella dei buoni e quella dei cattivi. Poi abbiamo i politici, che abitualmente dovrebbero percorrere l’arte del possibile per mediare, per raggiungere obiettivi ma, invece, si punta allo scontro senza capire che si è perdenti. Siamo pronti a criticare gli altri, vedi il caso di Boris Johnson che ha deciso di aprire i cordoni e la libertà dei propri cittadini. Ha fatto bene? Ha fatto male? Ai posteri l’ardua sentenza e, pertanto, aspettiamo senza fare i portatori iellanti.

Quando si parla di vaccini basta una parola “Vaccinatevi!” punto, senza aggiungere sciocchezze che rientrano nel concetto dell’emozione e dell’irrazionale. La Francia sul green pass ha creato uno scontro molte forte fino al punto che la posizione di Macron sta vacillando. Andiamo avanti comunque. Si dice che dal 2035 le auto saranno tutte elettriche mentre il disegno di legge Zan è stato rimandato a settembre. La Rai ha finalmente un Consiglio di Amministrazione e non resta che vedere, durante il percorso, le novità e le capacità dei Consiglieri. A Cuba, nel frattempo, hanno interrotto anche le linee telefoniche ma la civile Europa, compresa l’Italia, non scendono né in piazza, né nel cortile e neanche un lenzuolo bianco. Anche qui si va a periodi, ciò significa essere poco seri e manovrati. La DAD, stando agli invalsi, ha riscontrato l’esistenza di un “esercito di somari” mentre taluni parlavano addirittura di novità nella didattica. La nostra giustizia qualcuno dice che è malata da oltre 30 anni e neanche il vaccino contribuisce a migliorare la salute, intanto Whirpool chiude, in Toscana chiudono e sono quelle poche aziende che hanno visibilità… è un po’ come l’annuncio dei morti di alcuni giovani e meno giovani che vorrebbero venire in Europa e improvvisamente esce il bollettino, ne sono morti 100 o 200 e la notizia rimane chiusa e non fanno un passo in avanti. Le aziende chiudono, vengono annunciati i numeri e tutto si ferma lì, senza pensare alle migliaia di famiglie e persone che entrano nel panico e nella vera preoccupazione.

In tutto questo, Erico Letta è candidato a Siena in un collegio libero. La notizia buona è che 26 milioni di italiani hanno fatto la seconda dose del vaccino. Tutti si sono preoccupati anche della Chat Control in quanto sembra che siamo tutti controllati, ritengo di non preoccuparci in quanto siamo controllati da sempre, quindi se la scusa è quella di far leggere le chat per evitare la pedopornografia non mi sembra una strategia vincente. Per quanto riguarda il caso Palamara, tutti coloro che sono stati denunciati ufficialmente sono scritti nel testo Palamara ma… che fine hanno fatto? Finora si ha la sensazione che pur essendo state circoscritte malefatte non è successo nulla, questo è gravissimo perché molti si allontanano sempre più dal rispetto della magistratura, che dovrebbe dare dei segnali ben precisi, invece si aspetta sempre il giorno dopo con la speranza, come al solito, che il tempo sia galantuomo anche se in questo caso è maleducato.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share