Le preoccupazioni della guerra colpiscono l’Italia

L’aggressione unilaterale della Russia verso l’Ucraina desta preoccupazione a tutto il mondo. Mentre la diplomazia internazionale si prodiga nell’attuare azioni concrete a favore della pace e del dialogo, nel nostro Paese la scena politica si divide parlando di fascismo, antifascismo, comunismo e anticomunismo. Questo è un fare particolarmente pericoloso che non porta a niente e dimostra una mancanza di responsabilità da parte di tutta la politica, che dovrebbe mostrarsi unita e superare le proprie distanze in un momento di particolare difficoltà.

In questi giorni a Roma vi sono degli incontri fra i corpi diplomatici di Cina e Stati Uniti: certamente, l’incontro è da ritenersi positivo, anche se le speranze di pace sono particolarmente modeste e rimesse all’azione di Putin. Per stimolare una risposta del leader russo, un’idea potrebbe essere quella di invitare il Parlamento europeo a inviare una delegazione in Ucraina, in rappresentanza dell’UE, come atto simbolico di vicinanza al popolo ucraino.

Purtroppo ancora una volta, come già successo per la pandemia, la guerra incide sulla vita economica e sociale dei cittadini, con aumenti significativi del prezzo dell’energia e lo spettro di un aumento dei prezzi al consumo per i beni di prima necessità tralasciando che all’incirca sei milioni di cittadini vivono al di sotto della soglia di povertà. L’invito rivolto ai politici è quello di essere seri, a non sfruttare questo momento di particolare difficoltà per molti bisognosi per fare una campagna elettorale parassitaria e velleitaria.

Molti rappresentanti di categoria specialmente del settore alimentare hanno sostenuto che non esiste un problema di scorte alimentari e che manterranno i prezzi al consumo: questo, naturalmente, si rifletterà negativamente sui produttori, già colpiti duramente da due anni di pandemia e da sovente ostracismi e barriere da parte della grande distribuzione. È, d’altra parte, preoccupante l’aumento ingiustificato del prezzo della benzina: anche qui molte chiacchiere senza nessun intervento che possa essere definito serio e costruttivo, come anche sottolineato dal Ministro Cingolani. L’aumento diffuso di tutti i prezzi comporta un aumento delle difficoltà per molte famiglie: Draghi dovrebbe rendersi protagonista e intervenire chiamando a raccolta tutte le associazioni di categoria attorno a un tavolo e trovare una sintesi.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share