Francesco Cirio

Quella di Francesco Cirio è una bella storia tutta italiana.

Francesco Cirio è un giovane del 1836 che nasce in una famiglia molto povera, non ha avuto la possibilità di studiare e quindi è quasi analfabeta. Ha avuto le sue prime esperienze da giovanetto nell’iniziare a fare delle attività commerciali tra l’Italia, in questo caso del nord, con i Paesi confinanti.

L’iniziativa ha avuto un grosso successo, tant’è che il giovane veniva invitato da più parti, fortemente qualificate, per mostrare, come molti altri, di dire cose serie e ponderate, tenendo sottomano un pezzo di carta dove faceva finta di leggere pur sapendo di essere analfabeta.

Non a caso durante una conferenza ha detto: “E’ inutile che faccio finta di leggere in quanto sono privo di queste conoscenze”. Ha quindi parlato a braccio e ha mostrato a tutti le proprie capacità.

Cirio ha iniziato nel mettere sottovuoto alcuni prodotti con molto successo e quindi dare la possibilità al consumatore di utilizzare, o comunque mangiare il cibo anche fuori stagione in quanto correttamente conservato.

Ha avuto l’opportunità durante la sua infanzia/giovinezza di parlare con un giovane meridionale che, stupefatto del successo di Cirio, ha esclamato: “Perché non pensi al mio Paese del sud per dar vita ad un’impresa, per esempio del pomodoro! In quanto noi siamo bravi, volenterosi e il prodotto è eccellente per ragioni naturali”.

Il pomodoro Cirio, con 160 anni di storia, ottiene il riconoscimento di “Marchio Storico”. Cirio è un brand famoso in tutto il mondo ed apprezzato da milioni di consumatori, oltre al fatto che è il vero marchio che potrebbe essere utilizzato con la formula del Made in Italy.

La nascita risale al 1856, quindi prima del 1961 che nasce l’Unità d’Italia e porta il sigillo delle conserve di Francesco Cirio. Cirio è un vero e proprio ambasciatore nel mondo del pomodoro 100% italiano.

In conclusione, possiamo dire che Francesco Cirio è un orgoglio per il nostro Paese, non solo per le sue capacità nell’innovare un prodotto e renderlo fruibile nel mondo ma nello stesso tempo è bene pensare a come un imprenditore possa raggiungere dei traguardi solo ed esclusivamente con le proprie capacità e quindi sopportare i rischi.

In effetti il governo dell’epoca si è interessato del fenomeno Cirio dandogli anche qualche attenzione. Oggi si parla di start up, di innovazione tecnologica, ma non abbiamo un Francesco Cirio dei nostri tempi.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share