Il Project Management Office

Nell’ambito della Si – I.E.S. abbiamo avuto modo di approfondire la conoscenza legata al Project Management Office, attraverso lo studio di circa 265 pagine concernenti tale argomento. Da tale studio è emerso che per raggiungere gli obiettivi prefissati da un’azienda è necessario dotarsi di una pianificazione strategica articolata che si traduce poi con l’acquisizione di valore da parte dell’azienda stessa.

La figura del cosiddetto PMO, sempre più presente all’interno della realtà aziendale, è considerata come il cuore pulsante del progetto di un’impresa. PMO vuol dire mantenere e garantire degli standard per quanto riguarda la gestione dei progetti e ad esso viene attribuita la funzione di un’unità organizzativa che affianca i capi di un progetto e supervisiona i progetti aziendali, definendo le risorse da impiegare, armonizzando i progetti già esistenti e cercando di migliorarne l’efficacia.

Il futuro viene inteso quindi come pianificare, prevedere, fare, avanzare e controllare cose che, pur non esistendo ancora, daranno sicuramente risultati con il passare del tempo. È necessario pertanto servirsi di uno sforzo della durata complessiva di circa tre anni, nel corso dei quali: un insieme di persone si impegneranno a raggiungere uno specifico obiettivo, di solito con un budget ben determinato e con un insieme di attività tra loro correlate e interdipendenti. Questi sforzi saranno poi coordinati nel tempo, mentre uno sforzo temporaneo sarà volto alla creazione di un prodotto o di un servizio univoco. I fallimenti dei progetti possono essere causati poi da diversi fattori come: obiettivi poco chiari, l’assenza del Capo Progetto, la mancanza di risorse, di leadership, di un sistema di pianificazione e di controllo e un orientamento decisamente troppo tecnicistico.

Il PMO raggruppa, inoltre, i processi in cinque diverse categorie: Processi di Avvio, di Pianificazione, di Esecuzione, di Monitoraggio e Controllo e di Chiusura. Per definire il Piano Operativo di Progetto (P.O.P.) è necessario descrivere come possono essere effettivamente realizzati gli obiettivi del progetto stesso, tenendo in considerazione le entità delle risorse disponibili, non solo nella quantità ma anche nella tipologia.

Il Piano di Progetto è il risultato del processo di pianificazione, vale a dire le attività da svolgere, e costituisce, al tempo stesso, lo strumento di organizzazione e gestione del ciclo di vita del progetto stesso. L’assunzione del rischio è l’elemento imprescindibile di qualsiasi forma di attività imprenditoriale, lì dove i rischi derivano proprio dal grado di incertezza connessa all’innovazione del progetto. Perciò, è possibile considerare il rischio come l’esposizione di subire perdite economiche e finanziarie per l’azienda, oltre che come un insieme di effetti positivi e negativi. Ci si è concentrati, infine, sull’analisi del termine inglese «Stakeholder», composto dalla parola “Hold” (Custodire) e dalla parola “Stakers” (Picchetti) e che, letteralmente, si traduce con: «Portatore di Interesse», ovvero colui che: partecipa al progetto, incarna un supporto fondamentale, apporta valore ed ha, effettivamente, un ruolo attivo su tutti i progetti nei quali prende parte.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share