La trasformazione digitale

La parola d’ordine è “i grandi cambiamenti”.
I grandi cambiamenti nella tecnologia nei contesti economici, nella forza-lavoro e nelle istituzioni del lavoro secondo la visione di alcuni studiosi che hanno affrontato il tema “trasformazione digitale del lavoro tradizionale nei paesi nordici- opportunità e sfide per modelli nordici”. Il progetto è stato condotto da un team formato da un coordinatore e 30 studiosi. L’obiettivo è stato quello di migliorare la diffusione della conoscenza basata sulla ricerca, lo scambio di esperienze e l’apprendimento reciproco attraverso i confini nordici.
I risultati del progetto hanno informato e si spera continueranno ad informare, i dibattiti nordici su come contribuire all’agenda sul futuro del lavoro che è stata adottata in occasione del centenario dell’ILO (Organizzazione internazionale del Lavoro) nel 2019. I cambiamenti nel mondo del lavoro sono stati determinati dalle innovazioni tecnologiche, dalle evoluzioni demografiche, nonché dalle ripercussioni determinatesi nella sfera dell’ambiente e del clima. La globalizzazione e le forti disuguaglianze persistenti hanno altresì portato a profonde ripercussioni sul futuro del lavoro, sul ruolo e sulla dignità delle persone negli stessi contesti lavorativi.
Costruire un futuro del lavoro equo, inclusivo e sicuro, caratterizzato da piena occupazione, liberamente svolto e dignitoso per tutti certamente oggi rappresenta una sfida.
I 30 componenti dello studio svolto dai paesi nordici provengono dalle Università e dagli Istituti di ricerca di Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svevia. Il progetto di ricerca è stato organizzato in 7 pilastri con team di ricerca pan-nordici: a) i principali fattori di cambiamento; b) digitalizzazione e robotizzazione nelle forme di lavoro tradizionale; c) lavoro autonomo ed atipico; d) nuovi agenti del mercato del lavoro; e) salute sul lavoro; f) rinnovo del diritto e dei regolamenti del lavoro; ed infine g) rapporto finale: il modello nordico di governance del mercato del lavoro – che comprende i settori dei servizi. Nonostante la crescente digitalizzazione, si è comunque registrato un aumento della domanda di servizi, settore che ancora oggi rappresenta i 4/5 dell’occupazione nordica. Ciò ha spinto ad un incremento occupazionale, specialmente nei sevizi altamente qualificati mentre, al contrario, i lavoratori con lavori meno qualificati sono stati sottoposti a processi di razionalizzazione digitale, affrontando prospettive di lavoro più incerte.
Come nel settore tecnologico, la trasformazione comporta un ulteriore declino dell’occupazione nelle industrie manifatturiere e di altri beni dominati dagli uomini. La capacità di mantenere un’occupazione elevata in futuro dipenderà in gran parte dagli sviluppi nei settori dei servizi.
I settori dei servizi nell’era digitale sono influenzati dalle tendenze di miglioramento professionale più che dalla polarizzazione e in molti hanno notato che la pandemia in atto ha stimolato la rapida digitalizzazione delle comunicazioni e degli incontri professionali ed ha ridotto il tasso di investimento.

Articolo precedenteGoogle l’accordo per la sanità
Prossimo articoloPronto Soccorso

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,503FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Le cryptovalute e il metaverso

Come si è già avuto modo di scrivere in precedenza (per riferimenti, si veda questo link) il metaverso rivoluzionerà il mondo come lo conosciamo,...

DECALOGO PER CONTRIBUIRE DA SUBITO AD UN AMBIENTE PIU“GREEN”

Cosa possiamo fare noi - da subito - per l’ambiente, in modo da lasciare ai nostri figli un mondo meno inquinato e non destinato...

Ambiente e COP26

Ambiente Parlare di ambiente, ormai, è diventata una moda, speriamo di no! Le tecnologie e i processi innovativi sono di aiuto all'ambiente. Per esempio, anche...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share