Dopo i licenziamenti in massa, meno controlli sui social

In tutto il settore tecnologico, mentre le aziende simpongono pesanti licenziamenti per far fronte alle pressioni macroeconomiche e al rallentamento della crescita dei ricavi, ampie fasce di persone incaricate di combattere la disinformazione online e l’incitamento all’odio perdono il loro lavoro.

In particolare Meta, il cui CEO Mark Zuckerberg è impegnato a rendere il 2023 “l’anno dell’efficienza” ha annunciato l’intenzione di eliminare circa 21.000 posti di lavoro, un ridimensionamento di massa che ha colpito particolarmente i team impegnati nell’area della fiducia e della sicurezza dei social, compresi molti soggetti con esperienza accademica nelle scienze sociali.

Pertanto, il gruppo di lavoro sull’importante strumento di verifica dei fatti, che aveva il consenso iniziale dei dirigenti ed era ancora in fase di test all’inizio di quest’anno, è stato completamente sciolto. Inoltre, i licenziamenti hanno colpito ricercatori, ingegneri, esperti di progettazione degli utenti e altri che hanno lavorato sulla lotta alla disinformazione, ormai raggruppati in un’unica unità insieme al gruppo di integrità aziendale incaricato di affrontare annunci e problemi relativi al business come spam e account falsi. Ciò significa depotenziarne gli aspetti che riguardano i problemi di disinformazione.

Per coloro che hanno acquisito esperienza nell’etica, nella fiducia e nella sicurezza dell’IA e nella relativa moderazione dei contenuti, il quadro occupazionale appare cupo. I nuovi lavoratori disoccupati in quei campi provenienti da tutto il panorama dei social media osservano che non ci sono molte opportunità di lavoro nella loro area di specializzazione poiché le aziende continuano a tagliare i costi. Non solo Meta: anche Microsoft e Google ha eliminato molte posizioni nei ruoli di fiducia e sicurezza, seguendo Meta in termini di strategia di licenziamento”.

Gli utenti non dovrebbero ora pensare di riflesso che avere meno lavoratori nell’area della sicurezza significhi che le piattaforme saranno necessariamente peggiori”, anche se è ovvio che l’attività di controllo sui contenuti sarà più carente, e gli utenti dovranno ora prestare maggiore attenzione nel valutare ciò che compare sui social media.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,441FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share