Il Rotary allo Spallanzani

Il Rotary, come noto, è impegnato a livello internazionale, nazionale e distrettuale nel sostegno ai più bisognosi, nel suo storico svariate iniziative di impegno a livello sociale, culturale e solidale. In questo il Rotary Roma Parioli e il Distretto 2080, con il governatore distrettuale Dott. Giovan Battista Mollicone e l’impegno di “Azione Professionale” Distrettuale 2080 presieduta dal Prof. Francesco Chiappetta, hanno dato vita ad un riconoscimento a tutti coloro che stavano e stanno in prima fila nella battaglia contro il nemico invisibile del Covid-19.

Il Rotary Paioli ha consegnato lo scorso ottobre un riconoscimento al Direttore Generale del Policlinico Universitario “Campus Bio-Medico” di Roma Ing. Paolo Sormani, e in questi giorni al Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, Prof. Giuseppe Ippolito. Nell’occasione è stato presieduto un incontro interessante per il Rotary, presenti il “Past President” di Rotary Parioli, Ing. Luigi Cardone e il Presidente Distrettuale di “Azione Professionale” Prof. Francesco Chiappetta.

Al Prof.Ippolito è stato presentata l’iniziativa, lo spirito e la finalità di questo riconoscimento, con la consegna della targa ed un omaggio di valore, che ha riconosciuto l’impegno dell’iniziativa del Rotary a livello internazionale. La Presidente del Rotary Parioli, Prof.ssa Margherita Pellegrini è stata rappresentata, con i relativi rallegramenti e saluti.

L’iniziativa è chiaramente una forte testimonianza, ancora una volta per ricordare come il Rotary abbia partecipato in maniera determinante in svariate missioni sociali e umanitarie, una su tutte l’abbattimento della poliomielite, fra le iniziative note in tutto il mondo per impegno profuso, ruolo e  risultati raggiunti. Oggi questa missione si è rinnovata anche in questa nuova emergenza pandemica con  spirito e impegno consueto.

Il Rotary è stato istituito nel 1905 da Paul Harris, ha tra le finalità proprio ciò che è stato fatto in occasione dell’emergenza pandemica Covid-19, con la testimonianza del distretto ma anche a livello di Rotary International e la Rotary Foundation.

In questa testimonianza serve anche per sollecitare giovani professionisti di volersi avvicinare al Rotary per partecipare ad una sfida emozionante, strategica e vincente. È bene ricordare anche il ruolo del Rotaract che vede la presenza di giovani a partire dall’età di 18 anni fino ai 30. Una palestra innovativa, di solidarietà, di comunità, di scambio di vedute tra i giovani, che una volta lasciato il mondo degli studi possono varcare con facilità, entrando nel mondo rotariano portando quell’enfasi che solo il giovane è in grado di dare.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share