Covid e parole: i numeri in Israele e i dubbi su Pfizer

Certamente il problema di fondo è che guardando in maniera superficiale ai numeri israeliani emerge che su 500 persone ricoverate per Covid, 300 erano vaccinate. È evidente che chi si trova di fronte a questi numeri è legittimato a credere che il vaccino non risponde alle attese.

Nel merito il vaccino Pfizer non funziona, tenendo presente che in Israele Pfizer è stato il prodotto utilizzato per l’immunizzazione. Si necessita, quindi, di un’analisi più serena al fine di meglio capire la questione. Siamo di fronte a quello che in statistica è noto come il “Paradosso di Simpson”.

Complessivamente, attraverso questo paradosso di elevata importanza in campo medico/sanitario si aggiungono informazioni fondamentali sull’effettiva efficacia di un medicinale. Come nel caso del vaccino contro il Covid 19, grazie al paradosso di Simpson, possiamo arrivare alla conclusione opposta e sostenere che il vaccino funziona. O meglio, “Sì, il vaccino funzionava”.

Il paradosso di Simpson è un effetto che si verifica quando l’associazione marginale tra due variabili categoriali è qualitativamente diversa dall’associazione parziale tra le stesse due variabili, dopo avere controllato una o più variabili. Il vaccino contro il coronavirus e un paradosso israeliano, dove il 60% circa di persone ricoverate sono vaccinate. Ma per capire i dati bisogno andare nel merito.

Il 90% degli anziani in Israele è vaccinato. Semplificando il nostro dire, in Israele aumentano i contagi tra i vaccinati semplicemente perché il numero di persone vaccinate supera di gran lunga quello delle persone non vaccinate. Il vaccino, come noto, ha una copertura altra contro la malattia grave ma che evidentemente non raggiunge il 100%.

Pertanto, anche tra i vaccinati una percentuale ridotta potrebbe sviluppare una forma grave della malattia. Tra il 95% di persone vaccinate e il 5% di non vaccinati è evidente che nei nuovi casi saranno quasi tutti soggetti vaccinati.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share