Le Telecomunicazioni

Medio Banca ha fatto un interessante rapporto sulle Telco. Dall’analisi emerge che i prezzi in Italia sono più bassi rispetto nella media UE.

Italia e i Paesi europei 

I primi sei mesi del 2021 si sono conclusioni con un meno 1,8% dei ricavi (più 1,2% di ricavi nel fisso e meno 5,4% nel mobile). La flessione dei ricavi (scesi al 28,6 mld € nel 2020) è stata del 4,8% su base annua e del 10,3% in un orizzonte quinquennale. In entrambi i casi emerge che i trend sono peggiori rispetto a quelli di Germania meno 0,8% nel confronto fra 2020 e 2019 e più 0,3% fra 2020 e 2016; UK meno 1,8% su base annua; Francia meno 0,4% e meno 2,7%; Spagna meno 3,8% e meno 0,6%.

Tim, Wind Tre e Vodafone & Co.

La maggiore flessione è stata per il mobile (meno 5,4%) con una flessione concentrata nei primi 3 operatori Tim (meno 82 mln) WindTre (meno 223 ) e Vodafone (meno 115) pari ad una diminuzione di 420 mln. Vedendo insieme fisso e mobile, Tim si presenta in sostanziale tenuta con meno 0,4%, Vodafone registra meno 5,2% e Wind Tre presente meno 10,3%. Fastweb, invece, registra un più 6,9% ed Iliad più 23,9%.

Nel ranking mondiale, Tim in passato occupava il 4°/5° posto mentre attualmente è al 17°, con ricavi per 12 mld. A livello di ricavi, gli altri operatori registrano numeri differenti: Vodafone 5,1 mld e Wind Tre 4,9 mld e Fastweb 2,3 mld (più 3,6%), con Iliad in 5° posizione a 700 mld.

5G & fibra ottica

Alla luce di quanto descritto si passa al 5G ed anche all’incremento della fibra ottica al fine di far fronte alle sfide a partire dalle nuove tecnologie digitali cloud, Intelligenza Artificiale e servizi ICT.

Il settore delle TLC deve tenere presente del nuovo Codice delle Comunicazioni elettroniche ed alle regole antitrust. Come noto, Tim e Open Fiber hanno sottoscritto una lettera di intenti firmata da Tim e Cassa Depositi e Prestiti da circa un anno. La Commissione UE riconosce che gli “accordi commerciali” (incluse le intese sull’accesso all’ingrosso, co-investimento ed accordi di accesso reciproco) possono migliorare il livello competitivo. Si fa riferimento ad accordi tra operatori verticalmente integrati e quelli wholesale only (attivi solo all’ingrosso) al fine di accelerare la copertura in Ftth. Quest’ultima è la fibra che arriva fino alle case e aziende nelle aree interamente coperte da investimenti privati, dove non c’è bisogno di stanziamenti pubblici ma solo per ridurre i costi (esempio Tim e Open Fiber).

Conculsioni 

E’ bene richiamare alcune espressioni terminologiche: gli accordi si rivolgono alle “aree nere” del nostro Paese, mentre i fondi pubblici sono destinate alle “aree bianche”, infine le risorse del PNRR riguardano le “aree grigie”. L’Italia, in particolare il Governo, dovrebbe  guardare cosa fanno i Paesi europei ed i relativi operatori di TLC per evitare l’assalto di operatori esteri per un Paese di 60 mln di abitanti.

 

Articolo precedentePNRR e Le Regole
Prossimo articoloAndreotti a Urbino

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,503FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Le cryptovalute e il metaverso

Come si è già avuto modo di scrivere in precedenza (per riferimenti, si veda questo link) il metaverso rivoluzionerà il mondo come lo conosciamo,...

DECALOGO PER CONTRIBUIRE DA SUBITO AD UN AMBIENTE PIU“GREEN”

Cosa possiamo fare noi - da subito - per l’ambiente, in modo da lasciare ai nostri figli un mondo meno inquinato e non destinato...

Ambiente e COP26

Ambiente Parlare di ambiente, ormai, è diventata una moda, speriamo di no! Le tecnologie e i processi innovativi sono di aiuto all'ambiente. Per esempio, anche...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share