ESG

Quando si parla di acronimi è difficile comprendere a fondo il significato se non si è addentro la mataria.

In questo caso il significato di ESG è Environmental Social Governance.

Sarebbe meglio dire ambiente sociale governance per renderlo più semplice, comprensibile e capire di che si parla.

Quest’acronimo ha l’ambizione di verificare, misurare, controllare e sostenere.

Quando si parla invece di strategie e di visione futura la questione è più complessa.

Oggi si parla in maniera chiara del ricorso al carbone, fino a ieri abbiamo sentito parlare solo di decarbonizzazione.

La crisi energetica ha rivoluzionato il mondo e pertanto si dovranno cercare soluzioni per creare un mix nel campo energetico e, ove possibile, dell’ambiente.

Le tecnologie assumono un ruolo rilevante in questo frangente.

Si è ormai parlato ufficialmente del “si” al nucleare, mentre fino a qualche tempo fa era una parola inibita e nessuno pensava di poterla utilizzare così frequentemente. Tutto questo danno creato al “non nucleare”, quanto pesa in termini economici al nostro paese? Chi è il vero artefice di questo danno?

Oggi alcuni esperti parlano di business e sostenibilità e quindi si punta al coinvolgimento ambientale con un concetto: la consapevolezza.

Il tema di rilancio per il nostro Paese è quello relativo alla sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Ma ecco un termine chiave: cambiamento culturale, cambiamento del mindset sia individuale ma anche collettivo.

Il comportamento e le azioni del singolo possono fare la differenza sia per il presente e sia per il futuro.

Altri termini diffusi: pace e collaborazione tra tutti i paesi.

Vi sono alcuni concetti particolari, per esempio, fare coincidere la convenienza con la competitività.

ESG racchiude diversi punti a partire dal coinvolgimento degli stakeolder, per esempio, con le grandi aziende che consentono di realizzare il concetto di filiera e nello stesso tempo condividere con le PMI la metodologia adottata anche nella fase istruttoria al fine di crescere insieme.

I secondi stakeolder sono le PMI.

Terza stakeolder è la Governance.

Quarta stakeolder è rappresentata dalle istituzioni e il quinto punto è quello che riguarda il mondo finanziario.

In conclusione, tutte le istituzioni pubbliche e private e il sistema bancario dovrebbero convergere in questo momento in un unico punto comune.

Articolo precedenteUcraina e festival
Prossimo articoloComunità Energetica

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share