Europa e nazioni, evitare la contrapposizione

L’iniziativa legislativa europea in merito all’efficienza energetica degli edifici ha creato panico nei proprietari di casa e ha aumentato il livello di critica nei confronti dell’Europa, vista più come un problema e un costo inutile per i cittadini, piuttosto che come un’opportunità di crescita per tutti.

Il problema nasce, essenzialmente, dalla grande differenza esistente all’interno di un ampio gruppo di 27 Paesi che si sono uniti sul piano economico e normativo senza rendersi conto che l’uniformità di leggi e regolamenti avrebbe causato disagi, se spinta fino ai più piccoli dettagli della vita quotidiana.

Soprattutto, l’assenza di una vera collegialità nelle decisioni, poiché è ormai evidente che le Istituzioni UE sono in buona parte sotto il controllo e l’egida della Germania (e della Francia, in misura minore), specialmente da quando è avvenuta la Brexit.

Il caso della Direttiva sull’efficienza energetica degli edifici è emblematico: la Germania è uno dei Paesi europei dove è inferiore la quota di cittadini proprietari della propria abitazione (circa il 50%), ben distante dal 75% italiano. Significa che in Italia i proprietari di casa – molto più numerosi in percentuale – sono  anche soggetti economicamente fragili, che non sono in grado di sostenere le enormi spese necessarie a garantire la classe energetica E entro il 1° gennaio 2030 e la classe D entro il 1° gennaio 2033.

Da qui la rivolta dei cittadini, la necessaria presa di posizione della maggioranza al governo, con le parole di Fratelli d’Italia: “La casa è sacra e non si tocca”; tenendo conto che in Italia il patrimonio immobiliare è spesso vetusto, infatti Ance ha dichiarato che si dovranno ristrutturare più di 2 case su 3. Con un costo elevato, al punto che Confedilizia ha definito la Direttiva come “una eco-patrimoniale europea”.

Sarebbe il caso che i legislatori europei fossero più prudenti, prima di proporre Direttive cogenti in tutto il territorio, tenendo conto delle differenza tra Paesi, al fine di non fomentare le proteste di chi vorrebbe addirittura uscire dall’Europa, vista come una forza che condiziona la nazione piuttosto che un consesso in cui crescere in armonia.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,481FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share